In Italia il governo delega poteri straordinari per accelerare grandi progetti

DECRYPTION – Non meno di 102 progetti in ritardo o sospesi sono affidati a una cinquantina di commissari-ingegneri che hanno le carte in mano per andare più veloci.

Roma

Se c’è un settore in cui la rivoluzione Draghi è evidente, è quello delle infrastrutture. Già prima del piano di risanamento europeo, lo sblocco dei lavori di fermata è stato pressoché immediato. In pochi mesi il ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, ha affidato ben 102 progetti in ritardo o sospesi a 49 commissari, ingegneri dotati di poteri straordinari che consentono loro di accelerare il passo. E questo per un valore complessivo di 96 miliardi di euro, “L’equivalente di quattro o cinque anni di lavori pubblici in Italia”, spiega Romain Bocognani, vicedirettore dell’Ance, l’associazione dei costruttori.

Questi commissari ottengono le autorizzazioni necessarie più velocemente e possono scegliere le aziende praticamente senza gare d’appalto. 1è ottobre, il ministro Giovannini ha assicurato, in lista di sostegno, che “Dodici cantieri sono già stati consegnati e nove saranno consegnati entro fine anno”. È l’intero metodo di monitoraggio delle opere pubbliche che ha

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora il 76% da scoprire.

Coltivare la tua libertà è coltivare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo a 1€ il primo mese

Già iscritto? Accesso

READ  cinque migranti soccorsi mentre cercavano di raggiungere la Francia a piedi

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *