In Danimarca sono aumentate le polemiche sul piano di espellere i siriani da Damasco

(Copenaghen) La Danimarca critica sempre più la sua decisione della scorsa estate di ritirare i permessi di soggiorno ai rifugiati siriani a causa di una situazione ritenuta “sicura” a Damasco e dintorni, e la Danimarca assume la sua stabilità, un nuovo segno di una delle politiche di immigrazione più restrittive in Europa.


Camille BAS-WOHLERT
France Media

“Nessun altro paese in Europa ha adottato una simile politica”, ha detto all’Afp Niels Eric Hansen, un avvocato specializzato in questioni legate all’immigrazione.

La scorsa settimana, la supplica di uno dei suoi clienti in televisione, un’adolescente minacciata di espulsione – pochi mesi prima che potesse ottenere il diploma di scuola superiore – si è sbarazzata della relativa apatia che fino ad ora circondava il caso in un piccolo Paese, dove i socialdemocratici del ministro Mitt Frederiksen hanno preso la vena anti-immigrazione per i governi precedenti.

In danese impeccabile, Aya Abu Daher, 19 anni, ha spostato il regno chiedendole in lacrime cosa avesse “fatto un errore”.

“Una studentessa eccellente”, secondo il preside del suo liceo di Nyborg, che lavora per mobilitare i familiari per sopravvivere, la giovane siriana ha recentemente appreso che il suo permesso di soggiorno, scaduto a fine gennaio, non sarà rinnovato.

Allo stesso modo, 189 siriani sono già stati privati ​​del permesso di soggiorno dall’estate del 2020 dopo la decisione di Copenaghen di riesaminare i file di circa 500 siriani della capitale siriana, che è sotto il controllo del regime di Bashar al-Assad, il giorno la motivazione che “l’attuale situazione a Damasco non giustifica più un permesso di soggiorno o una proroga del permesso di soggiorno”.

READ  India: almeno 18 resti di elefanti scoperti, apparentemente morti a causa di un fulmine

Alcuni di coloro che sono stati rifiutati, e che originariamente avevano solo un permesso temporaneo, sono stati collocati in un centro di detenzione amministrativa.

“Trovare la propria strada significa non essere in grado di studiare o lavorare e dover mangiare tre volte al giorno. Le persone rimangono lì finché non hanno firmato un documento che attesti che tornano in Siria da sole”, denuncia il signor Hansen. .

Legalmente, i permessi di soggiorno temporanei vengono concessi senza limiti di tempo quando “c’è una situazione particolarmente pericolosa nel Paese di origine caratterizzata da violenze arbitrarie e attacchi contro i civili”. Ma può de facto essere annullata quando la situazione non viene giudicata come tale.

‘Il peggior posto in Europa’

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha detto, giovedì sera, di essere “preoccupato” per la decisione di Copenaghen, anche se le espulsioni sono rimaste sospese per il momento alla luce della mancanza di legami tra il governo danese e il regime siriano da allora. poi. guerra.

“I recenti miglioramenti della sicurezza in alcune parti della Siria non sono considerati essenziali, stabili o permanenti abbastanza da giustificare la fine della protezione internazionale”, ha detto l’UNHCR.

Amnesty International condanna uno “sviluppo inquietante”: la Danimarca “sta intimidendo i” rifugiati “affinché tornino nel loro paese di origine anche se non sono al sicuro”, ed esprime il suo sgomento, Lisa Plinkenberg, funzionaria di una ONG in Danimarca.

“La Danimarca non è solo il peggior posto in Europa per i siriani, ma il paese mostra anche una forte mancanza di solidarietà con gli altri paesi europei non sopportando la sua parte del fardello”, lamenta Hansen.

READ  Fingere di essere rapito per evitare il lavoro

Ma il governo rifiuta di revocare la sua decisione di ritirare i permessi di soggiorno, nonostante le critiche di tre piccoli partiti di sinistra alleati in Parlamento.

Il ministro socialdemocratico dell’immigrazione, Matthias Tesfai, ha risposto dopo aver trasmesso la testimonianza di Aya Abu Daher: “La politica del governo sta funzionando, e non mi tirerò indietro, e non accadrà”.

“La Danimarca è stata onesta sin dal primo giorno. Abbiamo chiarito ai rifugiati siriani che il loro permesso di soggiorno è temporaneo e può essere ritirato se non c’è più motivo di protezione”.

Il Paese del nord, la cui politica di accoglienza è fortemente restrittiva, con il presunto obiettivo di “non richiedere asilo”, sta fornendo assistenza volontaria al rimpatrio, che 137 siriani hanno accettato nel 2020.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *