In Châteaulin, il designer Châteaulin racconta l’avventura della Cheka ucraina



“Quando avevo otto anni, mi sono nascosto su una barca nel porto di Odessa per salpare per la Turchia”. Yurko Voloshchak voleva davvero viaggiare, ma presto i suoi genitori finirono questo gioco di nascondino. I miei genitori erano geologi e geografi. Nella casa ci sono piaciuti molto i libri, la musica e le tradizioni popolari preservate “, ricorda questo ex architetto di 66 anni” Nato a Leopoli nel 1956, esattamente 100 anni dopo il grande poliglotta ucraino Ivan Franko “. Yorko parla cinque lingue: Ucraino e russo, ovviamente, ma anche polacco, inglese e francese.

Giro d’Europa

avventura europea Chaika Ho iniziato con il teatro. “Era negli anni ’80”, dice. Eravamo vestiti da cosacchi del XV secolo per spettacoli storici “. Da qui l’idea di costruire una copia esatta di questa chaika molto mobile che ha effettuato fulmini contro i turchi con il suo amico Vasil Kachmar. Nel 1992 noi, venti di noi, siamo partiti Kherson per raccogliere barche Arrivando troppo tardi, abbiamo proseguito per Francia, Inghilterra e Olanda, prendendo mari e canali”, racconta Yurko, il cui soprannome cosacco è Volotsioga.

Baratto dal vivo

Questo viaggio durò sei anni e ne seguirono altri, nell’Europa settentrionale e centrale, via fiume. Nel 2014 la rivoluzione ucraina, la guerra nel Donbass e l’annessione della Crimea mettono fine all’avventura. Poi la chica ha cominciato a deteriorarsi, Abbandonato su una banchina a Pont-Aven. Durante il suo periodo di massimo splendore, i marinai, gli artigiani e gli artisti che si alternavano a bordo della nave condividevano le loro esperienze (vendite di cose, singole opere, ecc.). “Abbiamo ridisegnato l’interno del piano bar di Saint-Tropez”, ricordano i cosacchi. Da quel momento mantenne i contatti e continuò, in Francia, la realizzazione di giardini e l’imposizione di mosaici.

READ  Una regione d'Italia si offre di offrire 28.000 a tutte le persone che vogliono stabilirsi nei suoi paesi

Mio figlio è in guerra.

Chaika, chiamata Prisvyata Pokrova (“Beata Vergine Protettrice”), era presente a Brest-2000 e a Tempo di festa 2016. Gareggiando in condizioni di maltempo tra Dornenez e Lusaint, ha attraversato la Manica in Power 7/8 con un timone improvvisato. Ma oggi ruggine e muffa sono meglio di una barca. “Fa bene al museo”, si lamenta il primo capitano della Cheka.

Ora vive tra l’Ucraina e Limoges, dove vive uno dei suoi figli. Cossack porta a casa l’attrezzatura, finanziata privatamente da suo fratello, che ha sede negli Stati Uniti. L’altro mio figlio è in guerra a Kherson. Due amici della nostra squadra cosacca sono morti lì “, dice Yorko, abbassando la testa. L’ha subito preso e ha sparato: “Vinceremo questa guerra! “.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.