La lotta alla povertà è una scienza?

Capire l’economia attraverso i libri per bambini

In collaborazione con l’illustratrice Cheyenne Oliver, Ester Duflo Differenza

Una serie di libri per bambini Dove vengono presentati diversi esempi di lotta alla povertà. Ad esempio, l’economista restituisce nell’album il rapporto tra poveri e grandi città

Nesu e Nagi non hanno nemmeno paura della grande città :”Oggi nei paesi in via di sviluppo c’è una sorta di orrore per la sovrappopolazione urbana. Mentre il vero problema è che le persone non vogliono trasferirsi nelle città e quindi è molto difficile superare le crisi che affrontano nei villaggi”.

nell’album

Prima andiamo alle urne!, viene affrontata la questione della governance. “In molti paesi vi è un significativo decentramento in cui gran parte del denaro viene speso e selezionato a livello locale. L’album si concentra su questa amministrazione locale perché è importante e anche perché è facile da fotografare per i bambini.spiega il premio Nobel.Uno titolato

Afia chi saprà trattarla? Si torna alla lotta contro la malaria:In questo esempio, il discorso è cambiato e il mondo si è reso conto che la distribuzione gratuita delle reti era il modo più efficace per coprire quante più persone possibile. Tutti si sono riuniti per risolvere questo problema. Vediamo la connessione tra l’esperienza e la vita delle personeL’economista dice.

Crisi alimentare e globalizzazione

In connessione con l’attuale crisi alimentare associata al conflitto tra Russia e Ucraina, Ester Duflo Spiega che il senno di poi non è abbastanza importante per comprendere appieno le conseguenze: “Non abbiamo ancora una visione. Nell’arco di pochi mesi, più di un anno, i governi dei paesi poveri possono aiutare i propri cittadini, sia sovvenzionando i prezzi dei generi alimentari, sia aiutandoli direttamente attraverso le rimesse, per esempio”.

Per il Premio Nobel, ilLa scarsità economica deriva dal conflitto tra Russia e Ucraina, perché l’Ucraina è il paniere alimentare del mondo. Molti paesi poveri hanno ricevuto il loro grano da questo paese. Ma l’entità di questa scarsità non è sufficiente a causare la carestia. Oggi c’è persino cibo a sufficienza per sfamare il mondo intero, lasciatene da parte. La distribuzione di questo cibo è ingiusta e ingiusta“.

Ma come ci ricorda l’economista, questo fenomeno è “Frutto di una globalizzazione mal gestita, ma anche iniqua e scorretta. Il problema non è la globalizzazione in quanto tale, che può permettere di utilizzare le risorse che abbiamo a disposizione nel modo migliore e più razionale, migliore per il clima. Ma deve essere accompagnato da un sistema commerciale internazionale che funzioni bene, anche durante le crisi, e che includa un elemento di assicurazione e solidarietà.e”.

Come combattiamo la povertà?

Ester Duflo spiegaloQuesti timori che abbiamo, dal nostro stato ricco, che non saremo così gentili con i poveri perché li renderanno pigri, e non sarà loro di alcuna utilità, sono semplicemente infondati rispetto alla realtà delle esperienze che la gente ha. C’è un’ideologia molto stabile ed è condivisa da gran parte dei cittadini“.

In un esperimento condotto dall’economista, i risultati lo dimostrano “Con l’introspezione, ci rendiamo conto che l’aiuto, che sia l’assicurazione sanitaria o l’assicurazione contro la disoccupazione o il reddito universale, non ci renderà pigri, ma pensiamo che renderà pigri gli altri. È una politica molto impopolare perché non vogliamo essere il solo le persone rimaste a lavorare per finanziare la pensione di altre persone.Il Premio Nobel aggiunge:Perché è una posizione talmente diffusa che, anche se scorretta, diventa politicamente favorita, sia nei paesi ricchi che in quelli poveri.“.

Sulla questione del reddito complessivo, Ester Duflo fingere di “In Francia sappiamo benissimo come rivolgerci a chi ne ha più bisogno. Invece del reddito universale, sarà un reddito minimo garantito che verrà rilevato man mano che le persone diventeranno più ricche. Nei paesi poveri, sapere dove mirare è più complicato e si può sollevare la questione del reddito di base universale“.

READ  Nyant-sur-Eiffel. NOVITÀ: Margaux Rollin offre laboratori di scrittura

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.