Il vertice democratico di Biden fa saltare Mosca e Pechino

Mercoledì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto arrabbiare Russia e Cina, che non sono tra i 110 paesi e regioni invitati al suo vertice virtuale per la democrazia a dicembre.

• Leggi anche: Biden ha invitato circa 110 paesi al suo summit sulla democrazia virtuale

“Gli Stati Uniti preferiscono creare nuove linee di demarcazione, per dividere i paesi in buoni, secondo loro, e cattivi, hanno detto”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov durante un briefing telefonico.

Pechino ha espresso la sua “forte opposizione” all’invito di Taiwan a partecipare al vertice virtuale.

“Taiwan non ha altro posto nel diritto internazionale che quello di una parte inalienabile della Cina”, ha detto alla stampa il portavoce diplomatico cinese Zhao Lijian.

E nello stesso periodo le autorità dell’isola al centro della rivalità tra Pechino e Washington hanno ringraziato il presidente degli Stati Uniti per la sua decisione di invitare Taiwan.

“Grazie a questo vertice, Taiwan potrà condividere la sua esperienza di successo democratico”, ha detto ai giornalisti Xavier Chang, portavoce dell’ufficio presidenziale.

Il gigante asiatico conta Taiwan come una delle sue province, sebbene non controlli l’isola di 23 milioni di persone.

Nelle ultime settimane, i flussi di armi tra Pechino e Washington si sono moltiplicati sul destino di una regione democratica, del suo governo, della sua moneta e del suo esercito.

Il presidente degli Stati Uniti non ne ha fatto mistero dal suo arrivo alla Casa Bianca a gennaio: la lotta tra democrazie e “regimi autoritari”, incarnata ai suoi occhi da Cina e Russia, è al centro della sua politica estera.

Uno dei pilastri principali di questa priorità è il “Democracy Summit”, una campagna che si è impegnata per la sua prima edizione online il 9-10 dicembre prima di un incontro faccia a faccia un anno dopo.

READ  Birmania | I manifestanti denunciano la "dittatura militare"

L’India, spesso definita la “più grande democrazia del mondo”, sarà presente nonostante le ripetute critiche dei difensori dei diritti umani al suo primo ministro, Narendra Modi. Così fa il Pakistan, nonostante il suo rapporto instabile con Washington.

Tra i paesi partecipanti non c’è nemmeno la Turchia, alleato della NATO di Washington, ma il cui presidente Recep Tayyip Erdogan, che Joe Biden ha soprannominato un “tiranno”.

In Medio Oriente sono stati invitati solo Israele e Iraq. Assenti i tradizionali alleati arabi degli americani, Egitto, Arabia Saudita, Giordania, Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

Joe Biden ha anche chiesto il Brasile guidato dal controverso presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

In Europa, la Polonia era rappresentata, nonostante le ripetute tensioni con Bruxelles sul rispetto dello stato di diritto, ma l’Ungheria sotto il primo ministro Viktor Orban non lo è.

Da parte africana, tra i paesi invitati figurano la Repubblica Democratica del Congo, il Kenya, il Sudafrica, la Nigeria e il Niger.

“Ci sono buone ragioni per avere una vasta gamma di rappresentanti: permette un migliore scambio di idee”, ha detto Laleh Esfahani della Open Society Foundation al Primo Summit.

Per lei, piuttosto che farne un incontro anti-cinese – “sarebbe un’occasione mancata” – Joe Biden dovrebbe approfittare di questi incontri che riuniranno leader e società civile “per attaccare la crisi rappresentata dal pericoloso declino della democrazia in tutto il mondo, compresi i modelli relativamente solidi come gli Stati Uniti.”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *