Il riscaldamento globale è uno dei principali responsabili degli incendi nel West americano

Il cambiamento climatico è diventato il principale fattore responsabile degli incendi che distruggono regolarmente gli Stati Uniti occidentali e le attività umane sono in gran parte responsabili, secondo uno studio pubblicato lunedì all’apertura della conferenza sul clima COP26 in Scozia.

• Leggi anche: COP26: Leader impegnati contro la deforestazione

• Leggi anche: Cop 26: i leader mondiali esortati a ‘salvare l’umanità’

• Leggi anche: Elisabetta II esorta i leader a creare una “causa comune” sui cambiamenti climatici

Nel West americano, l’area distrutta dagli incendi tra il 2001 e il 2018 era in media di 13.500 chilometri quadrati all’anno, il doppio di quella del 1984-2000.

“È successo molto più velocemente di quanto ci aspettassimo”, ha detto al Los Angeles Times (Pnas) Rong Fu, climatologo dell’Università della California, UCLA, che ha guidato lo studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences. ).

Nel tentativo di capire cosa abbia contribuito a questo incredibile declino in così poco tempo, il team di ricercatori americani guidati dalla signora Fu ha analizzato i vari fattori all’opera nel “deficit di pressione di vapore” (VPD in inglese), che riflette la siccità. dall’aria.

VPD rappresenta la differenza tra la quantità di acqua effettivamente presente nell’atmosfera e la massima che quest’ultima può contenere. Maggiore è questa carenza, più acqua viene assorbita dall’aria circostante dal suolo e dalle piante, creando condizioni sempre più favorevoli agli incendi.

Gli scienziati hanno stabilito che l’aumento degli incendi nell’ovest americano è strettamente correlato a questo deficit durante la stagione calda. Tra maggio e settembre, il numero di giorni con VPD elevato è aumentato del 94% nel periodo 2001-2018 rispetto al periodo precedente, secondo lo studio.

READ  Colloqui ad alto livello USA-Cina mercoledì a Zurigo

Secondo i calcoli della sig.ra Fu e dei colleghi, i cambiamenti “naturali” nell’atmosfera hanno giocato solo un ruolo nel deterioramento del VPD, in media del 32%. Il restante (68%) di questo improvviso aumento del deficit idrico nell’atmosfera negli ultimi 20 anni è attribuibile al riscaldamento globale causato in gran parte dalle attività umane.

“Prima del 2000, potevamo spiegare il clima favorevole agli incendi solo utilizzando modelli meteorologici tradizionali”, ha detto Rong Fu al Los Angeles Times, “ma non è più così”.

Secondo alcuni modelli, aggiunge lo studio, il riscaldamento antropico, cioè di origine umana, potrebbe spiegare fino all’88% delle anomalie osservate nella VPD.

Lo studio ha concluso che nell’agosto 2020, quando la California è stata colpita dal più grande incendio registrato della regione – l’August Composite Fire – che da solo ha bruciato quasi 4.200 chilometri quadrati, il riscaldamento umano è stato responsabile di quasi la metà del deficit di umidità “eccezionalmente alto”. .

Secondo gli esperti di clima, a causa dei gas serra generati dall’uomo, in particolare attraverso il consumo di combustibili fossili, il pianeta ha già guadagnato circa 1,1°C dall’era preindustriale. La maggior parte di questo riscaldamento si è verificata negli ultimi 50 anni.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *