Il regista trasformato in fattorino muore in un incidente

Un regista messicano e autore di un documentario su Pancho Villa, ha lamentato un incidente mentre serviva i pasti a Città del Messico per guadagnarsi da vivere, una testimonianza della fragilità degli artisti messicani, hanno lamentato i colleghi venerdì.

Altri media e registi hanno riferito che Gregorio Rocha, 65 anni, è morto in ospedale giovedì in un incidente in moto mentre lavorava a un’app per la consegna di pasti a domicilio.

Il signor Rocha ha raggiunto la notorietà nel 2003 per il documentario “Los rollos perdidos de Pancho Villa” (“The Lost Reels of Pancho Villa”), basato su filmati d’archivio attribuiti all’eroe della rivoluzione messicana.

Il documentario ha vinto numerosi premi in Messico, Spagna e Stati Uniti.

“È morto distribuendo pasti su un’app: un affare onesto ma rischioso fino al più completo insulto”, ha sbattuto su Twitter il critico Sergio Hydrobro, elogiando un grande difensore della “memoria audiovisiva”.

Anche il regista e produttore Jose Antonio Cordero sentiva di non meritare di “essere un grande regista” e “di morire come fattorino”.

Il ministro della Cultura, Alejandra Frausto, ha espresso la sua “tristezza” salutando un “uomo del cinema che ha dedicato” la produzione di documentari culturali, storici e sociali.

Il Messico è un paese di attori e registi devoti a Hollywood, come Gael Garcia Bernal e Alfonso Cuarón.

Altri cineasti e creativi deplorano la mancanza di mezzi che l’attuale governo sta assegnando alla cultura.

52 addetti alle consegne sono morti in incidenti stradali in meno di due anni, ha detto all’AFP alla fine del 2021 il gruppo “No Less Delivery Worker”, che difende i diritti sociali dei lavoratori delle consegne.

READ  Il Canada dice ai canadesi di lasciare l'Etiopia

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.