Il fumettista svedese Mohamed è morto in un incidente stradale

Il fumettista svedese Lars Vilks, bersaglio dell’attentato di Copenaghen del 2015 e che viveva sotto protezione dopo aver disegnato Muhammad con il corpo di un cane nel 2007, è stato ucciso domenica in un incidente stradale in Svezia insieme a due poliziotti responsabili della sua protezione.

La polizia svedese ha confermato all’AFP la morte del fumettista 75enne e di due agenti di polizia in un violento incidente nel sud del Paese.

L’ipotesi di atto doloso è stata esclusa.

“È oggetto di indagine come qualsiasi incidente stradale. Un portavoce della polizia locale ha detto all’AFP che due agenti di polizia sono stati coinvolti nelle indagini.

Interrogato su possibili elementi indicanti un percorso non accidentale, quest’ultimo ha risposto negativamente. “L’indagine sarebbe stata diretta diversamente se così fosse stato”, ha detto.

L’incidente è avvenuto domenica pomeriggio sull’autostrada E4 nei pressi della cittadina di Markard, quando l’auto si è scontrata con un camion che viaggiava nella direzione opposta. Poi le due auto hanno preso fuoco “a causa della collisione”.

Secondo il quotidiano Expressen, l’auto della polizia senza contrassegni, che viaggiava a grande velocità, ha attraversato un guardrail per un motivo ancora imprecisato prima di colpire il camion. La polizia ha detto che l’autista del camion è stato portato in ospedale.

“La morte della persona che stavamo proteggendo e dei suoi due colleghi in questa tragedia è inimmaginabile e profondamente triste”, ha affermato Karina Pearson, capo della polizia regionale.

Dopo il suo disegno di Maometto come un cane, che ha seguito la vignetta danese del Profeta pubblicata nel 2005, Lars Vilks ha vissuto sotto una protezione quasi ininterrotta, a causa di numerose minacce e attacchi da parte degli islamisti.

READ  Uno dei fondatori dei talebani a Kabul per colloqui con il governo

Il 14 febbraio 2015, un giovane danese di origine palestinese ha aperto il fuoco quando ha tentato di intavolare un dibattito sulla libertà di espressione a Copenaghen, organizzato dopo l’attacco mortale a Charlie Hebdo a Parigi.

Lars Vilks, che presiedeva l’incontro con l’ambasciatore francese, è sopravvissuto illeso, ma il 55enne regista danese è stato ucciso dall’aggressore, che più tardi quella sera ha sparato a una guardia in una sinagoga di Copenaghen. È stato ucciso la mattina dopo durante un incontro faccia a faccia con la polizia danese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *