Il francese Thomas Pesquet è pronto a lanciarsi nel vuoto dello spazio

A poche ore dal grande salto: per la terza volta nella sua vita, il francese Thomas Pesquet si prepara a lanciarsi nel vuoto dello spazio, un “sogno” ma anche un’insolita prova fisica che condividerà con l’americano Shane Kimbrae.

• Leggi anche: 28 milioni di dollari per un volo spaziale con Jeff Bezos

• Leggi anche: Turismo spaziale: il CEO di Amazon andrà nello spazio il 20 luglio

• Leggi anche: Invio di una stella TikTok nello spazio

Dalle 12:00 GMT e per più di sei ore, i due astronauti galleggeranno a gravità zero, a 400 chilometri sopra la Terra, aggrappati alla Stazione Spaziale Internazionale, per installare un nuovo pannello solare. Riprenderanno le operazioni domenica per un secondo schieramento, aumentando così la forza della nave costruita nel 1998.

Questa uscita fuori dal veicolo (“EVA”), la prima da quando è arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale alla fine di aprile, è tecnicamente senza precedenti. Promette di essere “abbastanza complesso”, ha detto lunedì Pooja Jasrani, capo delle uscite orbitali della NASA durante una conferenza stampa.

“Ci sono preoccupazioni, sono anni di lavoro per centinaia di persone, non vogliamo sbagliare e rompere un’attrezzatura da un milione di dollari”, ha detto Thomas Pesquet nel suo diario a bordo della radio France Inter.

L’astronauta conosce il terreno ed è stato esaminato due volte durante la sua precedente missione nel 2017, con lo stesso compagno di squadra. Questa volta i ruoli si invertono: sarà “EVA 1”, Shane Kimbrough sarà “EVA 2”.

“N. 1 è la frase chef. L’astronauta 43enne ha commentato. Il collega 54enne ha twittato: “Non vedo l’ora che Thomas sia in quel ruolo e sia un così bravo sostenitore”.

READ  Twitter ti consente di pianificare gli spazi audio

I meccanici divideranno i compiti durante il processo, che la NASA ha progettato meticolosamente. L’obiettivo: schierare pannelli solari sul lato sinistro della Stazione Spaziale Internazionale, all’estremità del mastodonte delle dimensioni di un campo da calcio.

I pannelli di “nuova generazione”, consegnati dalla nave cargo in forma compatta, sono già fissati all’esterno della nave. Thomas Bisket recupererà l’oggetto da 350 chilogrammi, quindi si sposterà con un braccio robotico e camminerà oltre la stazione per passarlo al suo compagno.

Appesi al braccio per i piedi, apriranno la tavola e la sua lunghezza è di 19 metri.

Oggi proverò. “L’EAV è come correre 100 metri durante una maratona”, ha detto all’AFP Hervé Stevinen, responsabile dell’addestramento per questi voli.

“Lavorare in muta è molto difficile. Tutti i sensi sono limitati e ci manca la destrezza nell’indossare i guanti: impugnare l’attrezzo è come premere una pallina da tennis, centinaia di volte per sei ore”, descrive l’allenatore.

Nonostante il campo visivo limitato, gli astronauti devono avere “una consapevolezza costante di ciò che li circonda che va oltre la vita quotidiana”.

Per non parlare del fastidio: con il tempo di preparazione, sono bloccati per dieci ore nella loro muta, come in un “barattolo di latta”, con una piccola tasca d’acqua da bere.

Non c’è pericolo di cadere nel vuoto, perché la “tripla sicurezza”, compreso il cavo che li collega permanentemente alla stazione, impedisce che lo scenario da incubo del film “Gravity” accada nella vita reale, rassicura l’esperto.

D’altra parte possono verificarsi incidenti fastidiosi o addirittura pericolosi, come perdere la tenuta di una muta in caso di un piccolo impatto con un meteorite.

READ  Prossimamente sulla luna campioni di sperma di milioni di specie?

Il sistema di raffreddamento può anche confluire nel sistema di ventilazione, come ha testato l’italiano Luca Parmitano nel 2013.

“Una bolla d’acqua si è incastrata dietro la sua testa, non riusciva più a sentire e ha dovuto tagliare per uscire. Avrebbe potuto annegare”, dice Hervé Stephenen.

“Non hai l’impressione di rischiare costantemente la tua vita”, testimonia Thomas Bisquet, per il quale “Eva” rappresenta “un sogno nel sogno”. Anche se “non era troppo orgoglioso” la prima volta che lasciò le dita fuori dalla nave.

“Per il resto va bene, abbiamo l’impressione di essere fermi, arrampicandoci su una grande palla che ci rotola sotto i piedi. Durante la mia prima uscita, Shane mi ha detto + guardati intorno + perché non abbiamo tolto il naso dal guinzaglio. Lì proverò a farlo”.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *