Il fallimento morale dell’Occidente

Il vertice del G7 a Cornell, in Gran Bretagna, l’11-13 giugno, seguito dal vertice della NATO a Bruxelles il 14, l’incontro UE-USA il 15 e l’incontro con il presidente russo Vladimir Putin il 16 giugno a Ginevra. Dopo gli anni turbolenti di Trump, la stampa occidentale ha celebrato negli ultimi giorni il trionfale ritorno della diplomazia americana.

Ha elogiato Joe Biden, a cui è attribuito il successo nel suggellare la riunione transatlantica e nell’imporre la Cina e la Russia come argomento centrale di discussione con i suoi vari partner. Ma era solo un miraggio. Perché questi recenti summit possono essere letti anche come una nuova, perduta svolta per l’Occidente nei suoi rapporti con il resto del mondo.

Cosa verrà ricordato quando l’hype sarà finito e la retorica sarà dimenticata in giuramenti ufficiali, strette di mano e stereotipi colti davanti alle telecamere? In particolare, il G7 non è riuscito a mantenere la sua promessa di aiutare a fortificare il mondo intero.

L’annuncio della donazione di 1 miliardo di dosi dai Paesi più ricchi (Stati Uniti, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Canada, Giappone) è stato ben accolto. Ma siamo ben lontani da quella che giustamente alcuni considerano “la più grande sfida del dopoguerra”.

Come minimo, sarebbero necessari miliardi di dosi aggiuntive per costruire un “cerchio dell’utopia” globale. Affinché questi sforzi siano efficaci, devono anche fare affidamento su finanziamenti garantiti dal Gruppo dei Sette, che è invitato a sostenere l’acquisto congiunto di vaccini. Questo gesto consentirà di generare nuove capacità produttive in tutti i continenti.

Mentre il bilancio delle vittime nel mondo aumenta – quasi 4 milioni – i leader occidentali devono affrontare un duro giudizio sulla storia. Inoltre aprono un inaspettato percorso reale a grandi poteri autoritari, come la Cina con la sua diplomazia medica.

READ  Visualizza lavoro | Studio legale

Nessun progresso è stato fatto nemmeno sulla richiesta di 100 paesi in via di sviluppo per l’esenzione temporanea dei brevetti che trasferirebbero loro la tecnologia dei vaccini. Il G7 ha anche perso l’opportunità di colmare un divario finanziario di 100 miliardi di dollari nella lotta ai cambiamenti climatici attraverso la COP26 di questo autunno.

A livello geopolitico, è un peccato che i recenti vertici europei si siano concentrati più sull’unificazione del mondo occidentale, piuttosto che pensare a nuovi mezzi in grado di rafforzare il senso di appartenenza e integrazione tra Russia e Cina nella comunità internazionale.

Spostando l’attenzione prima sulla Cina, piuttosto che sul tradizionale nemico russo, i leader della NATO hanno affermato che Pechino è un rischio per la sicurezza, “sottolineando le sfide sistemiche all’ordine internazionale basato sulle regole”.

Inoltre, deciso a preservare una pratica vecchia e controproducente nella politica estera americana, Biden ha presentato al suo omologo russo Vladimir Putin una lunga lista di denunce contro Mosca. Si va dalla presunta interferenza negli affari politici interni degli Stati Uniti, alle accuse di attacchi informatici e al trattamento del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny.

Biden ha anche ribadito l’insistenza di Washington affinché la Russia annulli l’annessione della Crimea del 2014 e restituisca la penisola all’Ucraina. Ma il presidente americano, come i suoi predecessori, rimane cieco alle provocazioni dell’America stessa.

L’annessione della Crimea è avvenuta in risposta all’interferenza dell’amministrazione Obama negli affari politici interni dell’Ucraina per aiutare i manifestanti a rovesciare il governo filo-russo eletto del presidente Viktor Yanukovich.

I leader russi sembravano temere che l’Ucraina potesse diventare un avamposto della NATO alle loro porte, il che avrebbe violato in modo significativo gli interessi di sicurezza fondamentali della Russia. Per la Russia la richiesta di Washington è inaccettabile e vanifica ogni prospettiva di rapporti amichevoli e di cooperazione tra i due Paesi.

READ  Il Milan pareggia con la Sampdoria

Quella che dovremmo chiamare “diplomazia della capitolazione” degli Stati Uniti – richieste irrealistiche e non corrisposte – ha fallito più e più volte. Non sembra nemmeno convincere i principali alleati di Washington.

Parlando della NATO, il presidente francese Emmanuel Macron ha osservato che “la Cina ha poco a che fare con il Nord Atlantico” e che è importante “non influenzare le nostre relazioni”. Allo stesso modo, si dice che Angela Merkel abbia espresso preoccupazione per il fatto che il G7 non fosse “contro qualcosa”, piuttosto che essere “per qualcosa”.

Sarebbe necessario un approccio completamente diverso. Agire come un tiranno nei negoziati porta solo all’intransigenza e alla soppressione degli oppositori. Taiwan ha riportato la più grande intrusione di aerei militari cinesi (28) nel suo spazio aereo questa settimana. incidente?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *