Quando tentò per omicidio, interrogò suo figlio, unico sopravvissuto alla strage

“Come ti ho ferito?” “Mi hai accoltellato”.

Lo scambio è avvenuto questa settimana in un tribunale americano tra un padre processato per l’omicidio del compagno e della figlia, e l’unico sopravvissuto alla tragedia, il figlio di 11 anni, chiamato al banco dei testimoni.

Ronnie O’Neill III è accusato di aver sparato e picchiato a morte la sua compagna nel marzo 2018; per aver ucciso con un’ascia la loro figlia autistica di 9 anni; per aver accoltellato suo figlio di 8 anni e aver dato fuoco alla loro casa a Tampa, in Florida.

All’avvicinarsi della data del processo, il 32enne, che stava scontando la condanna a morte, si è separato dal suo avvocato e ha chiesto di difendersi, cosa che il giudice ha accettato, e lo ha ritenuto abbastanza istruito e sano.

In quanto tale, lunedì ha confermato la sua versione dei fatti, asserendo di essere stato vittima di un complotto.

“Quando tutto sarà detto e fatto, vedrai chi sono gli assassini”, ha gridato al giudice e alla giuria. “Questo file è totalmente falso”, ha detto, “mio figlio non mi ha mostrato che picchiavo a morte sua madre”.

Mercoledì, fatto estremamente raro, è riuscito a interrogare lo stesso ragazzo, apparso tramite un collegamento video con un cane al suo fianco per sostenerlo.

– “Come stai? Disse nell’introduzione.

“È bello vederti”, ha risposto il giovane, che nel frattempo è stato adottato da uno degli agenti di polizia che ha condotto le indagini.

I complimenti si sono fermati lì.

Con un tono che fa riflettere, Ronnie O’Neill per 20 minuti ha tentato in privato di sottolineare le piccole incongruenze nella testimonianza di suo figlio, evidenziando le lacune di fatto tra la sua testimonianza e le sue osservazioni al pub.

READ  Secondo quanto riferito, Hitler "ha fatto molte cose buone", dice il nuovo libro

Le fece anche dire che non aveva mai visto morire sua madre.

Il ragazzo non ha detto diversamente durante l’interrogatorio condotto dall’accusa poco prima.

La sua testimonianza non è stata meno offensiva, soprattutto quando ha raccontato l’omicidio di sua sorella. Ha detto: “L’ha colpita con un’ascia sulla nuca e ho visto i suoi occhi roteare”.

Negli Stati Uniti, gli imputati possono difendersi e controinterrogare i testimoni che a volte sono le loro vittime. Un uomo che ha sparato a un treno in partenza da New York nel 1993, uccidendo sei persone, ha interrogato le persone ferite.

Ma questo di solito non porta loro fortuna e si consiglia loro di accettare i servizi di avvocati offerti dalle autorità.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *