“Il debito della Francia esplode presto sotto la tutela dell’Unione Europea?”

Agnese Verder Molini. Fabiano Clairfond

TRIBUNA – Il massiccio deficit del commercio estero del nostro Paese e lo stato disastroso delle nostre finanze pubbliche stanno pesando sull’eurozona, come sostiene l’autore dell’articolo. Teme che l’azione europea priverà la Francia di parte della sua sovranità sul bilancio.

Agnès Verdier-Molinié è l’amministratore delegato della iFrap Foundation (un think tank liberale).

La Banca centrale europea ha appena annunciato un nuovo meccanismo di riacquisto massiccio del debito per i paesi membri i cui tassi saranno attaccati dai mercati. Questo per evitare una nuova crisi del debito nell’eurozona. Ufficialmente, perché i tassi di interesse tra debito italiano e debito tedesco divergevano, ma in realtà dietro questa decisione c’è anche la situazione finanziaria della Francia, secondo Paese ricco della regione, ma Paese. Indebitato, con un massiccio disavanzo nel commercio estero e finanze pubbliche esaurite. Il timore di una crisi del debito della zona euro non sarebbe così forte se la Francia avesse buone finanze pubbliche.

La possibile divisione della regione in due campi diventa possibile, perché la Francia si è gradualmente trasformata nel campo dei paesi dell’Europa meridionale, a causa della procrastinazione nelle riforme e nella droga …

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora l’84% da scoprire.

Libertà è anche andare alla fine del dibattito.

Continua a leggere il tuo articolo a € 0,99 per il primo mese

Sei già iscritto? registrazione

READ  L'Italia confisca lo yacht dell'oligarca russo

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.