Il consigliere speciale sottolinea i difetti nelle indagini dell’FBI su Trump e la Russia

Il consigliere speciale sottolinea i difetti nelle indagini dell’FBI su Trump e la Russia

La polizia federale si è accontentata di informazioni discutibili per aprire un’indagine sulla sospetta collusione tra Mosca e Donald Trump durante le elezioni presidenziali del 2016, e sta trattando con un procuratore speciale in un rapporto pubblicato lunedì.

• Leggi anche: Programmi di diversità vietati nei campus della Florida

• Leggi anche: programma sulla CNN, e Trump riaccende il dibattito sul suo posto nei media

John Durham ritiene che l’FBI abbia fatto affidamento su “intelligence grezza che non è stata analizzata o confermata” per avviare le sue indagini e quindi mancasse di “obiettività” nella gestione di questo particolare dossier politico.

Donald Trump ha da tempo denunciato l'”inchiesta Russia”, che ha oscurato la prima parte del mandato del presidente repubblicano senza rivelare prove concrete di collusione, come una “caccia alle streghe” orchestrata dai suoi oppositori.

Poco prima della fine del suo mandato il suo governo ha affidato a John Durham il compito di indagare sulle origini di questa inchiesta. Dopo tre anni di indagini, ha presentato le sue conclusioni, che hanno superato le 300 pagine.

Oltre alla debolezza degli elementi che hanno avviato le indagini, il procuratore speciale accusa la Polizia Federale di aver agito secondo un sistema di due pesi, due misure.

“La velocità e il modo con cui l’FBI ha deciso di ‘indagare su Donald Trump’ contrasta con l’approccio adottato in precedenza in caso di possibile interferenza straniera nella campagna elettorale”, ha scritto la candidata democratica Hillary Clinton, commentando anche l’”atteggiamento sprezzante” di alcuni investigatori.


Per lui, “l’FBI e il Dipartimento di Giustizia devono riconoscere che la mancanza di rigore analitico, pregiudizi di conferma e un eccessivo affidamento su fonti associate ad oppositori politici hanno impedito agli investigatori di prendere in considerazione ipotesi alternative e di” agire con adeguata obiettività “.

READ  La Cina nomina un nuovo funzionario alla guida dello Xinjiang

Tuttavia, il procuratore speciale non raccomanda azioni penali o riforme specifiche.

Sostiene che “la risposta non sta nel creare nuove regole, ma nel rinnovare la fedeltà alle vecchie regole”.

Donald Trump, che sta cercando un secondo mandato nel 2024, si è affrettato a lodare il suo lavoro. “Dopo approfondite ricerche, il consigliere speciale John Durham ha concluso che l’FBI non avrebbe dovuto avviare l’indagine Trump-Russia”, ha scritto su Truth Social. “In altre parole, il pubblico americano è stato corrotto”, aggiunge.

Per quanto riguarda l’FBI, ha affermato che i fatti descritti dal signor Durham avevano già portato a “dozzine di azioni correttive”. “Se fossero esistiti nel 2016, gli errori identificati in questo rapporto avrebbero potuto essere evitati”, ha commentato uno dei suoi portavoce.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *