Il Canada spenderà 2,3 miliardi di dollari per contrastare la Cina

Il Canada spenderà circa 2,3 miliardi di dollari nella regione indo-pacifica nel tentativo di aumentare le spese militari per rafforzare i legami con i partner asiatici e contrastare l’influenza della Cina.

• Leggi anche: Cina e Russia vogliono un mondo in cui il potere sia valido

• Leggi anche: Vertice dell’ASEAN: promesso il finanziamento di Trudeau

• Leggi anche: Il Canada vuole entrare a far parte dell’Alleanza indo-pacifica degli Stati Uniti

Il ministro degli Esteri Melanie Jolie ha rilasciato domenica la strategia del governo Trudeau per l’Indo-Pacifico.

La cifra investita aumenterà la presenza delle forze navali nella regione, oltre a garantire la sicurezza in termini di intelligence e cybersecurity.

L’obiettivo è quindi quello di consentire una maggiore cooperazione con i partner regionali nei mari della Cina orientale e meridionale, ha affermato Bloomberg, prima dell’annuncio ufficiale.

Il documento del segretario descrive anche Pechino come una “potenza globale sempre più destabilizzante”. Il Canada vorrebbe proteggersi da ogni forma di ingerenza straniera. Investirà 750 milioni di dollari canadesi in progetti di infrastrutture sostenibili nella speranza di attrarre più capitali dai fondi pensione canadesi.

La strategia canadese ha cinque aspetti principali, tra cui la promozione della pace e l’aumento del commercio e degli investimenti.

“Per quanto riguarda la Cina, sappiamo che è in corso una battaglia per l’influenza nella regione”, ha dichiarato Melanie Jolie in un’intervista a Bloomberg. Quindi dobbiamo intensificare la nostra presenza”.

“Ci siamo definiti per molto tempo in base al nostro rapporto con l’Europa”, ha aggiunto. È tempo di guardare l’Oceano Pacifico”.

Negli ultimi anni, il Canada ha avuto difficoltà a diversificare la propria economia, che si basa principalmente su Stati Uniti e Cina come due partner principali.

READ  La guerra in Ucraina | La Cina evoca immagini "estremamente inquietanti" di Boutcha

Secondo Bloomberg, la proporzione delle esportazioni di merci è rimasta più o meno la stessa dal 1997 nell’Indo-Pacifico a circa il 7%, rispetto a solo l’8,6% per Pechino, l’anno scorso.

“Il futuro dell’Indo-Pacifico è il nostro futuro e abbiamo un ruolo da svolgere nel dargli forma”, ha dichiarato Melanie Jolie in una nota. A tal fine, dobbiamo essere il vostro partner vero e affidabile. Oggi presentiamo una vera strategia canadese, che affronta ogni aspetto della nostra società. Questa strategia invia un messaggio chiaro: il Canada è nella regione ed è qui per restare”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.