I dispositivi di casa connessi di Google sono ora compatibili con lo standard Matter

I dispositivi Google Home e Nest sono compatibili con Matter. Questo dovrebbe rendere molte cose più facili.

standard problema Può davvero semplificare l’uso dell’hardware automazione Per marche diverse solo se i prodotti sono già compatibili con questo protocollo. Oggi Google annuncia di essersi attivato Compatibilità dell’articolo su dispositivi Nest e Android – E non devi scaricare o installare nulla per divertirti -. Ciò significa che gli altoparlanti Google CasaI nuovi Google Home Mini, Nest Mini, Nest Audio, Nest Hub (1a e 2a generazione), Nest Hub Max e il nuovo Nest WiFi Pro possono fungere da hub per Matter e controllare la tua installazione domotica.

I dispositivi Google Home e Nest sono compatibili con Matter

Google ha anche introdotto il supporto per problema per attivare l’accoppiamento rapido robot Ciò consentirà ai dispositivi abilitati per Matter di accoppiarsi con la rete domestica, spiega il gigante della tecnologia, “con la stessa rapidità con cui si accoppiano le cuffie”. Una volta che i tuoi dispositivi sono connessi, questa funzione semplificherà anche la connessione dei dispositivi Matter alle app e ai sistemi domotici. Inoltre, l’azienda di Mountain View ha aggiornato Nest WiFi Pro, Nest Hub Max e Nest Hub (2a generazione) in modo che funzionino come router Thread. Pertanto, puoi utilizzarli per connettere prodotti compatibili con Thread, il protocollo di rete per dispositivi a basso consumo, come i lucchetti intelligenti, nella tua installazione.

Questo dovrebbe rendere molte cose più facili.

Il Alleanza per gli standard di comunicazione, di cui Google fa parte, lavora su Matter dal 2019 per risolvere il problema della frammentazione nella domotica e semplificare la fruizione di prodotti di vari produttori. Questo standard doveva originariamente essere rilasciato nel 2021, ma ha dovuto essere ritardato più volte prima della pubblicazione definitiva. Versione 1.0 e un programma di certificazione del prodotto lo scorso ottobre. Poco dopo il lancio ufficiale di Matter, Samsung ha annunciato che stava lavorando con Google per rendere più semplice l’aggiunta di dispositivi già configurati con SmartThings a Google Home e viceversa. Anche Amazon, un altro co-fondatore dell’alleanza, elenca 17 dispositivi Echo che saranno compatibili con questo standard nei prossimi giorni.

READ  Xbox Series: FPS Boost inizia a essere lanciato

Sebbene pochissimi prodotti attualmente supportino Matter, Google afferma che l’elenco crescerà rapidamente nelle prossime settimane e mesi. Tutti i dispositivi compatibili saranno contrassegnati da un badge Matter dedicato e funzioneranno con i suddetti prodotti Google e tutti gli altri dispositivi Matter senza alcuna difficoltà.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.