Guerra in Ucraina nell’862 | L’Ucraina conferma di aver ritirato le sue forze dalla regione di Chasiv Yar

Guerra in Ucraina nell’862 |  L’Ucraina conferma di aver ritirato le sue forze dalla regione di Chasiv Yar

(Kiev) – L’esercito ucraino ha confermato giovedì il suo ritiro da un’area nella città strategica di Chasiv Yar, nell’est del Paese, di cui Mosca aveva annunciato il controllo il giorno precedente.


“Il comando ha deciso di ritirarsi in luoghi più sicuri e meglio preparati”, ha detto alla televisione Nazar Volochin, portavoce della forza Khortytsiya dispiegata nella regione.

Mercoledì la Russia ha annunciato il controllo del primo distretto della città strategica di Shasiv Yar, che da mesi cerca di controllare nella speranza di ottenere una svolta decisiva nell’Ucraina orientale.

La sua posizione elevata consentirebbe infatti alle forze russe di raggiungere i loro cannoni fino a Kramatorsk, la più grande città mineraria della regione di Donetsk e la guarnigione ucraina su questa parte del fronte.

Ha aggiunto: “Non è più opportuno mantenere l’area del canale in cui è entrato il nemico, perché ciò mette a rischio la vita e la salute dei soldati”. “Le posizioni dei nostri difensori sono state distrutte”, ha spiegato Nazar Voloshin.

Nelle ultime 24 ore nella sola zona di Chasif Yar sono state registrate 238 esplosioni. La maggior parte del fuoco dell’artiglieria ha preso di mira la parte meridionale della città.

Nazar Volochin, portavoce della forza Khortytsiya dispiegata nella regione

Il portavoce ha aggiunto che l’esercito russo continua ad attaccare il resto della città situata al di là del canale, sperando di controllarla interamente.

Il canale DeepState, basato su fonti aperte e vicino all’esercito ucraino, ha affermato mercoledì che quest’area è stata “completamente distrutta” e che continuare a controllarla non farebbe altro che “aumentare le perdite”.

READ  Morte misteriosa alle Bahamas: autopsia di due turisti americani

Ha concluso il suo intervento dicendo: “Il ritiro da questa regione è quindi una decisione logica, anche se difficile”.

Negli ultimi mesi l’esercito russo ha preso l’iniziativa sul fronte, ottenendo progressi graduali.

Cerca di sfondare le linee di difesa ucraine a est, per impadronirsi della parte del Donbass che non controlla, più di due anni dopo l’inizio dell’invasione e dieci anni dopo l’inizio di un conflitto separatista.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *