La svolta chirurgica ripristina la normale andatura degli amputati

La svolta chirurgica ripristina la normale andatura degli amputati

I ricercatori hanno sviluppato una nuova tecnica chirurgica che ripristina la propriocezione in un arto amputato. Fornisce una migliore mobilità ai pazienti con una gamba protesica, con un’andatura molto più naturale, dando anche l’impressione che la gamba venga spostata indietro!

IL ProtesiProtesi Le gambe si sono evolute in modo significativo negli ultimi anni, fornendo a chi le indossa una maggiore mobilità. Tuttavia, per ottenere un processo che sembri più o meno naturale, ad esso vengono combinati algoritmi più complessi SensoriSensori E i motori, un sistema tutt’altro che perfetto.

In un articolo pubblicato sulla rivista naturaricercatori di Istituto di Tecnologia del Massachussetts (Massachusetts Institute of Technology) e Brigham e l’ospedale femminile di Boston descrivono una nuova procedura chirurgica sviluppata per compensare questo difetto. Si chiama interfaccia neuromuscolare agonistaagonista-Anti-AMI, consente ai pazienti di avere un migliore controllo delle proprie protesi e un’andatura più naturale, senza dover ricorrere ad un algoritmo specifico.

La procedura chirurgica consente al paziente di utilizzare la protesi in modo più naturale per salire le scale. © Massachusetts Institute of Technology

Ripristinare la consapevolezza della posizione dell’arto nello spazio

IL un movimentoun movimento Gli arti fanno affidamento su coppie di muscoli agonisti/antagonisti, uno si contrae mentre l’altro si estende e viceversa. Durante un’amputazione sotto il ginocchio, queste coppie non sono più collegate, impedendo al sistema nervoso di conoscere posizione e movimento. VelocitàVelocità contrattilità. Pertanto i pazienti hanno grandi difficoltà a percepire la posizione della protesi nello spazio.

La procedura chirurgica dei ricercatori prevede il riattacco di coppie di muscoli nell’arto, una tecnica che può essere utilizzata durante questa operazioneAmputazioneAmputazione Iniziale o durante l’intervento successivo. È adatto anche per amputazioni del braccio. Questo ripristina PropriocezionePropriocezioneCioè la sensazione che indica al cervello dove si trova l’arto nello spazio, dando al paziente l’impressione di aver ritrovato la gamba.

READ  iOS 16.1: Apple Fitness + sarà disponibile senza Apple Watch a partire dal 24 ottobre

E funziona. I pazienti sottoposti a questa procedura possono camminare più velocemente e alla stessa velocità di un non amputato ed evitare gli ostacoli più facilmente. I movimenti sono più naturali, come sollevare le “dita” della protesi quando si salgono le scale o premere sul pavimento con la stessa forza di un non amputato. Un totale di 60 pazienti sono già stati sottoposti alla procedura AMI, ma la protesi utilizzata nello studio non è ancora disponibile in commercio.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *