Gran Premio d’Italia – Rivelazioni di Laurent Rossi, boss dell’Alpine: la vicenda Oscar Piastri non ha più segreti

Nella vicenda Oscar Piastri è mancata la testimonianza chiave di Laurent Rossi per coglierne tutta la dimensione. Comprendi perché il giovane australiano si era allontanato dalla sua squadra di allenamento per guidare per la McLaren nel Gran Premio del prossimo anno. E quali errori potrebbe aver commesso Alpine per arrivarci.

Sabato, l’amministratore delegato delle vetture Alpine ha parlato a lungo al sito ufficiale della Formula 1 per spiegare tutti i dettagli. Dalle sue osservazioni emergono due elementi: Alpine non aveva fatto firmare alcun contratto al suo giovane pilota per il 2023, e quest’ultimo voleva meglio della Williams che i Blues gli avevano offerto per iniziare in Formula 1 nel 2023.

Gran Premio d’Italia

Leclerc sotto pressione, Verstappen offensivo, sorpasso: Il GP in questione

2 ORE FA

“Abbiamo agito in modo molto logico, in linea con il nostro impegno nei suoi confronti. Da quel punto di vista, è una storia molto diretta e semplice”., riassume Laurent Rossi. Per mesi Alpine ha cercato di legare contrattualmente il 21enne australiano, campione di Formula 2 nel 2021, in vista di correre con lui in Formula 1, senza successo.

Alpine ha sempre creduto che sarebbe stato possibile perché aveva fatto parte della sua accademia per quattro anni e lei aveva investito molto in lui. Laurent Rossi rivela di aver esercitato l’opzione che figurava nel suo contratto il 15 novembre 2021 nominandolo come riserva per il team di F1 per il 2022, accompagnato da un programma di allenamento completo che prevedeva 5.000 km di guida nell’anno e l’impegno a trovargli un sedile da corsa per il 2023 e il 2024.

L’epilogo della vicenda Piastri rende più leggibile la griglia 2023

Williams, “un ottimo volante per imparare con meno pressione”

Il nativo di Melbourne ha percorso 3700 km ad agosto e Alpine ha avuto piena fiducia in lui. “Gli abbiamo dato pieno accesso alla squadra, ai debriefing, alle riunioni tecniche ed è stato con me quasi tutte le domeniche ad ascoltare la gara. Non era solo un riservista, ma si diceva che fosse il debuttante più allenato di sempre“, precisa Laurent Rossi.

Tutto questo non poteva che accontentare la più grande speranza che la F1 ha indubbiamente conosciuto negli ultimi anni, tranne che per un dettaglio. “Alpine ha assunto qualcuno solo per trovargli un volante da titolare nel 2023, aggiunge il boss del marchio Dieppe. Il procedimento ha portato a un accordo con la Williams ad aprile. Lo stampaggio della vasca è stato addirittura programmato“, ricorda, quando è stato informato dalla dirigenza dell’australiano (Mark Webber e soci) che alla McLaren esisteva un’opportunità.

Di cui non si è preoccupato quando ha sentito Daniel Riccardo martellare a casa il 6 luglio che sarebbe stato alla McLaren nel 2023. Ma due giorni prima Zak Brown, il capo della McLaren Racing, aveva suggellato il futuro di “Dan The Man firmando Oscar Piastri per il 2023. “Non sapevamo che avesse firmato”riconosce il manager francese, per il quale era la Williams “un ottimo volante per imparare con meno pressione.”

Questo è il motivo per cui l’australiano non ha mai voluto legarsi con Alpine al di là di quanto previsto dalla sua formazione. “Non ha mai firmato il contratto che gli abbiamo offerto.rivela Laurent Rossi. Abbiamo fatto molti promemoria. Non hanno mai firmato. Non siamo riusciti a trattenerlo perché non ha mai firmato un contratto. Ci aspettavamo più fedeltà”.

Fiducia totale in Szafnauer

“Abbiamo commesso errori tecnici legaliammette. Abbiamo lasciato la porta socchiusa non costringendolo con un contratto così stretto da non potersi muovere. Perché abbiamo fatto questo? È un po’ una svista, perché non avremmo mai pensato che quando dai a qualcuno così tanto che non l’avrebbero preso”.

Così ipotizza il confidente dell’amministratore delegato del Gruppo Renault e presidente di Alpine Car, Luca de Meo. “Direi che le cose accadono per un motivo, confida. Non condividevamo la stessa concezione delle cose, forse non gli stessi valori. Potrebbe essere meglio così, separarsi”.

E per tornare al rifiuto di Fernando Alonso di prolungare per un anno, più un’altra opzione. “Avevamo solo un’opzione di due anni con Oscar. Fernando aveva il desiderio di guidare più a lungo in F1, cosa che non poteva funzionare per noi a meno che non avessimo perso Oscar. Per noi non aveva senso”.lui spiega.

A posteriori, la priorità data ad Alonso per il 2023 e forse per il 2024 ha alienato irrimediabilmente Piastri. Ma Rossi non ce la fa contro lo spagnolo. “È un campione incredibile, rimarrà una leggenda del nostro marchio, ma non ha funzionato ed è la vita, dice. Rimarremo in buoni rapporti. È un campione eccezionale, un gentiluomo”.

Allora, che dire di Otmar Szafnauer, il team manager che sembrava vivere questa soap opera da spettatore? “Ho piena fiducia in lui. risponde Laurent Rossi. Dal suo arrivo, è stato straordinario. Fa la differenza e continua a farlo. È stato reclutato per aiutarmi a fare un passo indietro. Ho qualcuno molto capace al timone”.

Questa triste vicenda aveva bisogno di una fine e questa intervista probabilmente la pose fine.

Oscar Piastri (Alpino) al Gran Premio d’Austria 2022

Credito: Getty Images

Gran Premio d’Italia

“Lontano dal ritmo”: Hamilton, Russell e Mercedes nel nulla a Monza

5 ORE FA

Gran Premio d’Italia

Rinfrescato, Leclerc punta molto in alto: “Fai di tutto per portare a casa la vittoria”

6 ORE FA

READ  Alto Adige, una regione condivisa tra Italia e Austria

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.