Gli Stati Uniti “hanno la capacità” di difendere Taiwan

Washington, Stati Uniti | Il capo di stato maggiore degli Stati Uniti Mark Milley ha dichiarato mercoledì che gli Stati Uniti hanno “capacità assoluta” di difendere Taiwan contro la Cina, se necessario.

• Leggi anche: La Cina invita gli Stati Uniti a mantenere le promesse su Taiwan

In risposta a una domanda durante una conferenza del think tank Aspen Security Forum sul rischio a breve termine dell’attacco cinese a Taiwan, l’alto funzionario statunitense ha stimato che sarebbe “improbabile” nei prossimi 24 mesi.

“Tuttavia, i cinesi stanno chiaramente e inequivocabilmente costruendo la capacità di offrire opzioni per guidare il Paese se lo desiderano in futuro”, ha aggiunto.

Rispondendo alla domanda se gli Stati Uniti siano in grado di difendere l’isola situata a meno di 200 chilometri dalla costa cinese, ha sottolineato: “Abbiamo certamente le capacità, su questo non ci sono dubbi”. Ma ha aggiunto che gli Stati Uniti vogliono soprattutto una “soluzione pacifica” a qualsiasi controversia tra Taiwan e Cina.

Il capo di stato maggiore statunitense è stato attento a non commentare l’utilità o il non capovolgimento di una politica statunitense di vecchia data nota come “ambiguità strategica”, in base alla quale Washington aiuta Taiwan a costruire e rafforzare la sua difesa, ma senza promesse esplicite di un’avanzata per aiutarlo in caso di attacco.

“Questa è la nostra politica ora e continuerà per ora”, ha detto.

Le manifestazioni di armi si sono moltiplicate nelle ultime settimane tra Stati Uniti e Cina sul destino di quest’isola di 23 milioni di persone, che ha un proprio governo, moneta ed esercito, ma Pechino la considera una delle sue province in attesa di riunificazione con il resto del regioni. paese con la forza, se necessario.

READ  Russia: l'avversario Alexei Navalny dice di essere imprigionato in "campo di concentramento"

Interrogato sulla possibilità di un intervento militare statunitense per difendere Taiwan in caso di attacco dalla Cina, il mese scorso il presidente Joe Biden ha risposto affermativamente: “Sì, abbiamo un obbligo in quella direzione”, se lo dicesse.

Queste parole sembravano contraddire l'”ambiguità strategica” degli Stati Uniti, e la Casa Bianca ha successivamente assicurato che la sua politica nei confronti di Taiwan non cambiasse: gli Stati Uniti dal 1979 hanno riconosciuto la Cina comunista, a scapito di Taiwan, ma allo stesso tempo tempo il Congresso degli Stati Uniti ordina la fornitura di armi all’isola per la sua difesa.

Il generale Meili vedeva l’ascesa della Cina come un fattore destabilizzante per il pianeta.

“Stiamo entrando in un mondo a tre polarità, con Stati Uniti, Russia e Cina come grandi potenze”, ha detto.

Con tre giocatori invece di due, ha aggiunto, “abbiamo più complessità”. E con l’avvento di tecnologie come l’intelligenza artificiale, i missili ipersonici e la militarizzazione dello spazio, “stiamo entrando in un mondo che, a mio avviso, sarà probabilmente più strategicamente stabile” di quanto non lo sia stato negli ultimi 60 anni.

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *