Giovane donna avvelenata dopo aver bevuto troppa acqua

primario

  • Un attacco epilettico a volte inizia con le urla, quindi la perdita di coscienza è immediata e completa.
  • Durante un attacco, i bulbi oculari rotolano indietro, la testa rotola indietro e la costrizione delle mascelle può mordere la lingua, colpendo il paziente.

Strano come sembra che una giovane donna abbia avuto un attacco epilettico dopo aver bevuto molta acqua!

“Una paziente di 33 anni incinta del suo primo figlio ha avuto un attacco tonico-clonico 1 ora dopo il parto a causa di una grave iponatriemia* causata da un’eccessiva assunzione di liquidi”, Descrizione dei medici in Rapporto sul caso BMJ.

Nessun effetto dopo il panico

Prima che sviluppasse le convulsioni, la giovane donna è stata ricoverata in sala parto dove ha trascorso 19 ore, di cui 4 nell’ultima fase del travaglio. La giovane donna non presentava alcun particolare fattore di rischio.

Durante il parto, è stata incoraggiata a bere secondo la sua sete, senza che nessun medico controllasse la sua assunzione di liquidi. Nonostante il panico e la confusione provocati dal suo attacco post-partum, il trattamento è stato somministrato alla neomamma in tempo per evitarne le conseguenze.

“Crescente consapevolezza”

Tuttavia, “Vogliamo sensibilizzare l’opinione pubblica sulla possibilità, anche se rara, di intossicazione da acqua dovuta all’eccessivo consumo di liquidi da parte delle madri durante il travaglio”. Allarme degli scienziati. Inoltre incoraggiano Produzione di una linea guida per il monitoraggio del consumo di liquidi nelle donne durante il parto.

Infine, va notato che l’acqua, ad eccezione di questo caso molto specifico, non è affatto tossica. È anche il miglior fluido che può essere fornito al corpo (si consiglia di bere 1,5 litri di acqua al giorno).

READ  "Al minimo colpo, posso cambiare": quando la crisi rinnova la paura del sovraindebitamento

* L’iponatriemia è una diminuzione della concentrazione di sodio nel plasma causata da un eccesso di acqua rispetto al sodio. Le cause comuni includono l’uso di diuretici, diarrea e insufficienza cardiaca.




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.