Giornalista arrestato in Iran dopo l’intervista al padre di Mahsa Amini

Un’organizzazione non governativa ha affermato, venerdì, che le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato un giornalista che ha scritto un’intervista al padre di Mahsa Amini, la cui morte a settembre ha scatenato proteste e un grande movimento di protesta contro il regime.

• Leggi anche: Washington vuole che l’Iran sia escluso dal Comitato delle donne delle Nazioni Unite

Secondo l’organizzazione norvegese per i diritti umani Hengaw, un detenuto di Merovian, giornalista di Teheran che, come Mahsa Amini, proviene da Saghiz nella regione del Kurdistan iraniano, è stato arrestato domenica, secondo l’organizzazione norvegese per i diritti umani Hengaw.

È stata arrestata a casa dei suoi parenti e portata nella prigione di Evin nella capitale iraniana, secondo l’ONG, citando una telefonata fatta alla sua famiglia.

Il giornalista, che lavora per il sito di informazione Ruydad 24, aveva pubblicato il 19 ottobre sul sito di Mostaghel un’intervista ad Amjad, il padre di Mahsa Amini.

• Leggi anche: Una lezione per le donne iraniane in Occidente

“Non ho intenzione di suicidarmi e non ho malattie di base”, ha commentato e ha pubblicato un link al suo articolo, in diretto riferimento ai rischi che sapeva di aver corso.

Il sito dell’exploit del testo ha poi rimosso il testo, ma una copia nascosta testimonia il fatto che il padre smentisce le spiegazioni delle autorità iraniane secondo cui sua figlia ha problemi di salute. Il titolo dell’articolo è inequivocabile: “Il padre di Mahasa Amini sta mentendo!” +.

L’Iran assiste da quasi due mesi alle proteste scoppiate dopo l’omicidio della giovane donna il 16 settembre. È stata arrestata dalla polizia morale perché non rispettava il rigido codice di abbigliamento che la Repubblica islamica impone alle donne.

READ  A woman dies from suspected New Zealand shark attack

manifestazioni, Le autorità iraniane li hanno descritti come rivolteNon ha eguali in Iran in termini di dimensioni e natura dalla rivoluzione islamica del 1979.

I due giornalisti che hanno contribuito a diffondere il caso sono detenuti a Evin.

Nilofar Hamidi, 30 anni, del quotidiano Sharq, è andato all’ospedale dove Mahsa Amini era in coma prima di morire. È stata arrestata il 20 settembre, secondo la sua famiglia.

• Leggi anche: Washington rilancia la sua retorica contro l’Iran, che “uccide innocenti ucraini”

Elaha Mohammadi, 35 anni, giornalista quotidiano Ham Mehan, è volato a Sags per seguire il funerale della giovane donna, dove ha avuto luogo anche una delle prime manifestazioni di questo grande movimento di protesta. Il giornalista è stato arrestato il 29 settembre.

Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti con sede a New York, 54 di loro sono stati arrestati durante la repressione delle proteste. Da allora, solo una dozzina di loro è stata rilasciata su cauzione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.