Giappone | Tsunami Walls, un’eredità del disastro del 2011

(Taro) Les imposants murs anti-tsunami étaient censés protéger la petite ville côtière de Taro de la fureur de l’océan, more les vagues here ont frappé le nord-est du Japon le 11 mars 2011 y ont malgré tout semé la et Destruction .


Natsuko Fook
France Media

Dieci anni dopo uno dei peggiori disastri naturali della storia, una dolorosa lezione – costruire più in alto – è stata appresa in tutta la regione, le cui coste oggi sono abbellite da centinaia di chilometri di questi recinti di cemento, tranne quando i residenti li respingono.

Fino al 2011, i residenti di Taro nella contea di Iwate credevano di essere al sicuro. “Abbiamo costruito la città perfetta per la protezione dai disastri”, ha detto ad AFP una guida turistica locale, Kumiko Mutoda.

Il taro, distrutto dallo tsunami del 1896 e del 1933, nel 1934 è stato dotato di recinzioni in cemento. È alta dieci metri e si estende per 2,4 chilometri lungo il mare, e la gente del posto l’ha chiamata la “Grande Muraglia Cinese”.

Per completare il tutto, 44 ​​strade di evacuazione, illuminate da pannelli solari, avrebbero dovuto consentire ai residenti di ripararsi dalle onde entro 10 minuti, spiega M.sono Motoda.

Ma dieci anni fa un’onda alta 16 metri ha travolto quella certezza, abbattendo il muro e spazzando via case e automobili.

Il bilancio ufficiale delle vittime a Taro è stato di 140 morti e 41 dispersi.

430 km di dighe

Dopo il disastro, il governo giapponese ha incoraggiato le aree costiere a costruire o ricostruire queste dighe protettive, con l’equivalente di 15 miliardi di dollari canadesi in fondi pubblici.

READ  Ottawa | Cerimonia nazionale che commemora il principe Filippo

In tutto, la costruzione di un muro intermittente lungo 430 km sulle coste delle tre province nord-orientali colpite dal disastro dovrebbe essere completata a breve: Fukushima, Miyagi e Iwate.

Queste strutture hanno alterato la costa, ostacolando la visibilità del mare.

I residenti di Taro, dove tre mura raggiungono i 14,7 metri di altezza per più di due chilometri, devono alzare il collo per fare la vetta e salire le scale di una trentina di gradini per vedere “l’oceano”.

Ma secondo gli esperti, l’esistenza di queste fortificazioni è giustificata dalla doppia protezione che forniscono respingendo la forza delle onde, minimizzando i danni e dando ai residenti un margine di manovra per prendere le distanze dalla portata delle onde.

Tomoya Shibayama, professore di ingegneria civile e ambientale alla Waseda University di Tokyo, ricorda: “Nel 2011, quei pochi minuti hanno fatto la differenza tra coloro che sono riusciti a evacuare e quelli che sono rimasti colpiti dallo tsunami”.

Le pareti più nuove hanno basi più larghe e sono rinforzate all’interno per resistere meglio alla forza delle onde. Anche la sua altezza è stata regolata secondo le ultime simulazioni, che teoricamente gli consentono di gestire anche gli tsunami più straordinari.

Anche i sistemi di allarme sono stati migliorati e le simulazioni al computer hanno consentito in particolare i metodi di evacuazione.

Il signor Shibayama dice che i muri sono ancora la pietra angolare, perché “ci sarà sempre il rischio di disastri naturali” in Giappone.

” questa è casa mia ”

Ma a Taro, il disastro ha dimostrato che il muro da solo non era sufficiente. M. “Ci sono persone che non sono state evacuate, credendo che lo tsunami non li raggiungerà”.sono Motoda.

READ  A third body was found in a Norwegian landslide; 7 is still missing

Il primo avvertimento è stato di un’onda alta tre metri e, a causa del conseguente blackout, molti residenti non sono stati avvisati quando la previsione è stata rivista a dieci metri.

Un forte terremoto di due giorni prima ha causato anche un piccolo tsunami, creando un falso senso di sicurezza.

“I muri hanno lo scopo di guadagnare tempo per evacuare, non per fermare le onde di marea”, osserva M.sono Mutoda, che ha perso la madre dal 2011.

Per lei queste mura dovrebbero servire anche per impedire che i cadaveri vengano trasportati in mare. “Penso che sarebbe tornata a casa se i muri non fossero stati distrutti”, ha detto, contemplando la casa di sua madre.

Ma questi edifici in cemento a volte sono impopolari e alcune comunità hanno rifiutato di essere isolate dal mare, qualunque sia il rischio.

Muni Fishing Village (Prefettura di Miyagi) – dove lo tsunami del 2011 ha ucciso quattro persone e distrutto 42 case su 55 – ho preferito procedere a 40 metri sul livello del mare.

“L’unico modo per salvare le nostre vite in uno tsunami è evacuare dall’alto. Non importa se c’è un muro o meno”, crede Makoto Hatakeyama, un allevatore di ostriche di Mone.

Dieci anni fa, come altri pescatori, si precipitò in mare nel tentativo di salvare la sua barca e sopravvisse nuotando verso un’isola vicina.

Il 42enne ha detto: “Non c’è niente che possiamo fare per” gli tsunami e i terremoti che si verificano regolarmente.

D’altra parte, non è pronto a rinunciare alla sua associazione con il mare. “Questo spettacolo, questa brezza, questa atmosfera […] Non c’è più posto in Giappone come questo “.

READ  La maggioranza democratica al Senato Battesimo del fuoco di Chuck Schumer

Sea, “È la mia identità. Mi calma. Questa è casa mia”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *