Facebook diffonde odio e accusa il detective Francis Hogan

Lo sa l’informatore, che ha fatto trapelare studi che dimostrano che Facebook è a conoscenza dei danni alla sua piattaforma indiscutibilmente Quel social network sta diffondendo odio online.

mondo dei computer, da Testimoniato davanti al Congresso degli Stati Uniti Questo mese ha spiegato che Facebook utilizza un sistema che dà la priorità ai contenuti che ottengono il maggior numero di clic, sempre quelli che creano più opposizione.

La rabbia e l’odio sono il modo più semplice per crescere su Facebook.

Citazione da:Frances Hogan, ex dipendente di Facebook

Sono profondamente preoccupato che potrebbe non essere possibile rendere Instagram sicuro per i bambini di 14 anni e sinceramente dubito che possa essere reso sicuro per i bambini di 10 anni., lei ha aggiunto.

Tra la serie di fallimenti che accusa Facebook c’è l’organizzazione di gruppi critici che sono pieni di disinformazione, o addirittura di sottoinvestimenti nei suoi prodotti non in lingua inglese, mettendo a rischio aziende già lacerate da divisioni razziali e religiose.

Inasprimento della legislazione

Secondo lei, la legislazione flessibile E l’aggiornamento è fondamentale, man mano che i contenuti e i social network evolvono. Abbiamo bisogno di modi per ritenere queste aziende responsabiliHa aggiunto, chiedendo più interventi umani piuttosto che algoritmi e intelligenza artificiale.

Nell’ambito dell’Internet Security Bill, il governo del Regno Unito sta valutando sanzioni penali contro i responsabili delle aziende che non elaborano contenuti dannosi sulle proprie piattaforme.

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e il social network si sono già espressi contro le accuse di Francis Haugen e hanno presentato le sue iniziative per combattere l’odio online.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *