Euro: un torneo indimenticabile per Laurent Seaman

Il CF Montreal sarà rappresentato da un giocatore in questo Europeo perché Lassi Lappalainen vestirà i colori della Finlandia.

Ma un altro membro del club, l’assistente allenatore Laurent Seaman, ha avuto l’opportunità di vivere questo meraviglioso torneo durante l’ultimo spettacolo, nel 2016. Poi stava difendendo i colori del Belgio.

La Vallonia e la squadra fiamminga sono arrivate seconde nel Gruppo E e hanno perso sorprendentemente 3-1 contro il Galles nei quarti di finale, il che non ha impedito a Seaman di godersi la sua esperienza.

“È un onore rappresentare il popolo belga e la nazionale. È un grande torneo. Ho anche sperato nell’Europeo, nelle Olimpiadi e nel Mondiale”.

incontro

Una persona che all’epoca era un difensore ha ottenuto minuti in un duello.

“La prima partita contro l’Italia, sono stato fortunato a poter giocare perché Thomas Meunier si era infortunato. È andata bene, abbiamo perso, ma ho fatto una buona partita”.

Va detto che allora non era più ovvio di oggi ottenere un posto da titolare con i Red Devils, una delle migliori squadre al mondo da diversi anni.

“Quando vedi la squadra che è stata formata, è un onore averti come parte di questa squadra”.

Ammette che questo incontro è stato di particolare importanza per la sua famiglia.

“Ero completamente calmo, ma è stato speciale perché sono belga di origini italiane”.

nessuna discussione

Seaman ammette di non aver avuto l’opportunità di condividere la sua esperienza con Lapalainen prima che il CF Montreal partisse per unirsi alla squadra finlandese.

Il fitto calendario non lo ha permesso, ma promette di riprendersi.

“Ci terremo in contatto con lui per vedere come si evolve. Siamo felici di avere qualcuno della squadra europea”.

READ  Italia - Italia: "La battaglia della vergogna" tra Ibrahimovic e Lukaku Press

è tempo

E Seaman pensa che i suoi ex compagni di squadra abbiano le carte in regola per alzare i titoli alla fine del torneo?

“Non dobbiamo dimenticare che ci sono grandi paesi e ci sono anche una sorpresa o due, ma il Belgio ha le carte in regola per vincere. È ora di vincere”.

Per lui questo è il più importante perché sente un forte senso di connessione con questa scelta.

“Ci sono molte persone con cui sono ancora in contatto, quindi sarebbe bello vederli vincere”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *