Epic Games sospende le vendite in Russia ma mantiene strumenti di comunicazione online

Epic Games è l’ultima società di giochi a sospendere le vendite dei suoi prodotti in Russia mentre la sua guerra gratuita contro l’Ucraina continua.

Epic Games ha confermato, in una dichiarazione pubblicata sui social media, ieri, che “ferma il commercio con la Russia”, ma si è astenuta dal limitare completamente l’accesso ai russi per “mantenere aperte tutte le linee di dialogo”.

Questo contenuto è ospitato su una piattaforma esterna, che lo visualizzerà solo se accetti i cookie di targeting. Si prega di abilitare i cookie per visualizzarli.

“L’IPIC ha sospeso il commercio con la Russia nei nostri giochi in risposta alla sua invasione dell’Ucraina”, ha affermato la società in una breve dichiarazione.

“Non blocchiamo l’accesso per lo stesso motivo per cui lo fanno altri strumenti di comunicazione su Internet: il mondo libero deve mantenere aperte tutte le linee di dialogo”.

Segue le richieste del vice primo ministro ucraino per le società di videogiochi e le organizzazioni di eSport, in particolare PlayStation e Xbox, di esercitare maggiore pressione sul sistema russo, il che ha portato editori e sviluppatori come Activision Blizzard a sospendere le vendite di nuovi giochi in Russia.

In tutto il settore dei giochi, le aziende hanno risposto facendo grandi donazioni a organizzazioni umanitarie e sostenendo i dipendenti con sede in Ucraina. All’inizio di questa settimana, la versione per PC e console di Little Orpheus of The Chinese Room è stata ritardata a causa dei temi e dei contenuti russi del gioco e anche il team di eSport Navi ha affermato che non funzionerà con il gioco. Apple ha interrotto le vendite di prodotti nel Paese.

READ  Senza una SIM, l'iPhone 15 Pro potrebbe sorprenderti

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.