Epatite inspiegabile nei bambini: una “preoccupazione per la salute pubblica”

Giovedì, l’Agenzia europea per il controllo delle malattie ha classificato i casi inspiegabili di epatite acuta nei bambini come “preoccupazione per la salute pubblica”, pur riconoscendo di non essere stata in grado di valutare accuratamente i rischi.

• Leggi anche: L’epatite C è stata rilevata nei bambini piccoli in Canada

• Leggi anche: Epatite occulta nei bambini in cinque paesi europei

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC) indica la sua prima valutazione pubblica del rischio dall’inizio della malattia.

Segnalato per la prima volta in Scozia alla fine di marzo, il numero di casi registrati nel mondo è attualmente di 191 (111 nel Regno Unito, 55 in altri 12 paesi europei, 12 negli Stati Uniti, 12 in Israele e uno in Giappone). secondo l’ECDC.

Questa malattia è molto rara e le prove della trasmissione da uomo a uomo non sono ancora chiare. I casi nell’Unione europea sono sporadici con una tendenza poco chiara”, osserva l’agenzia responsabile per le malattie e le epidemie.

L’agenzia, che copre 27 paesi dell’Unione Europea più Norvegia, Islanda e Liechtenstein, ha affermato che i rischi per i bambini in Europa “non possono essere stimati con precisione”.

“Tuttavia, dati i casi segnalati di insufficienza epatica acuta, con casi che richiedono il trapianto, il potenziale impatto sui bambini è considerato elevato”, afferma.

I bambini colpiti avevano un’età compresa tra 1 mese e 16 anni, ma la maggior parte aveva meno di 10 anni e molti avevano meno di 5 anni. Nessuno ha comorbilità.

La principale “ipotesi” del lavoro è che la malattia sia correlata agli adenovirus, che sono virus abbastanza comuni e ben noti, che generalmente causano sintomi respiratori, oculari e gastrointestinali.

READ  Regressione della bronchiolite e dell'influenza

Secondo questa evidenza, “l’infezione da adenovirus, che sarebbe lieve in circostanze normali, comporterebbe un’infezione più grave o un danno epatico immuno-mediato”.

Secondo il CDC, altre cause, comprese quelle tossiche, “sono ancora oggetto di indagine e non sono state escluse, ma sono considerate meno plausibili”.

L’agenzia raccomanda ai paesi di migliorare la sorveglianza dei casi.

Poiché la causa della malattia è ancora sconosciuta, “in questa fase non è possibile determinare misure di controllo efficaci”. Ma l’agenzia raccomanda di “promuovere buone pratiche igieniche” (pulizia delle mani e delle superfici “nei luoghi frequentati dai bambini piccoli”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.