Economia | Italia: migliora la giustizia nella situazione di 20mila fattorini a domicilio

Di La Provenza (AFP)

La procura di Milano, nel nord Italia, ha annunciato giovedì di aver ottenuto miglioramenti nelle condizioni di lavoro per circa 20.000 addetti alle consegne a domicilio dopo un’indagine durata due anni.

Questa inchiesta è iniziata nel luglio 2019 dopo gli incidenti stradali che hanno coinvolto i lavoratori delle consegne nel capoluogo lombardo, per poi diffondersi progressivamente in tutta la penisola.

La procura a febbraio ha notificato alle quattro società oggetto dell’inchiesta (Foodinho-Glovo, Uber Eats Italy, Just Eat Italy e Deliveroo Italy) che dovevano modificare i contratti in essere all’epoca.

L’accusa ha ritenuto che i lavoratori delle consegne non fossero lavoratori autonomi ma fornissero un “servizio di tipo coordinato e continuativo” e dovessero quindi percepire un salario fisso e non essere remunerati in base alla loro produzione.

Questo primo passo ha riguardato circa 60.000 addetti alle consegne e ha imposto una multa di 733 milioni di euro.

E l’accusa ha affermato nel suo comunicato stampa, giovedì, di aver ottenuto circa 20mila serial killer che stanno attualmente lavorando a visite mediche e l’obbligo di fornire loro dispositivi di sicurezza e dispositivi di protezione individuale o formazione in questo campo della sicurezza.

Le lunghe trattative con i legali delle quattro società coinvolte, da un lato, e la Procura della Repubblica e l’Ispettorato del Lavoro, dall’altro, hanno portato all’annullamento effettivo della sanzione inizialmente prevista: ciascuna società dovrebbe alla fine pagare solo 15.700 euro , anche se ciascuno dovrebbe investire circa 10 milioni di euro per attuare misure di sicurezza.

La natura del contratto di categoria, autonomo o meno, non è stata menzionata nel comunicato, ma è oggetto di diverse azioni legali avviate dai sindacati.

READ  Locarno Festival: 'Lex Netflix' al centro di tutti i dibattiti - rts.ch

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *