Italia, Svizzera, gemme d’altrove

La manifattura francese beneficia di un’aura globale, ma bisogna riconoscere che anche i nostri due vicini d’oltralpe sono stati in grado di sviluppare notevoli competenze e know-how.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la più grande fabbrica di gioielli d’Europa, ad oggi, non si trova in Francia… ma in Italia, a Valenza, importante centro per la lavorazione dei metalli preziosi fin dal Rinascimento. È un cubo nero di 14.000 m2, moderno e maestoso, costruito nel 2017 da Bulgari, e rapidamente ampliato per assorbire la spettacolare crescita del marchio del gruppo LVMH. Produce qui le sue linee di piccola e media gioielleria (tra cui il suo famoso anello B.Zero1 montato come una molla), mentre i pezzi di alta gioielleria sono realizzati a Roma.

Continuando il giro d’Europa, sono numerose anche le unità in Svizzera, nei dintorni di Ginevra. Sono cresciuti ai margini delle manifatture orologiere, guidati dall’esperienza e dalla cultura svizzere per un meticoloso know-how.

Piaget ha quindi un grande laboratorio a Plan-les-Ouates, alla periferia di Ginevra, che lavora con maestria l’oro, in particolare per i braccialetti di orologi-gioiello.

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora il 55% da scoprire.

Coltivare la propria libertà è coltivare la propria curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo a 1€ il primo mese

Già iscritto? Accesso

READ  a Carrara, la nuova battaglia del marmo

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *