Dal pianeta degli umani: i testicoli di rana e scimmia

Nel gennaio 2017, dopo una tragedia – la morte di una ragazza eritrea di 14 anni – Giovanni Sioni si è recato alla stazione di Ventimiel, al confine italo-francese. Come molti immigrati, lì ha preso il treno per Mentone. Lì, il consiglio di polizia ha radunato i candidati in esilio e li ha messi in contenitori durante la notte. prima che fossero riportati in Italia… Ma c’è un altro valico, attraverso una ripida strada di montagna, la “Via della Morte”, che era già percorsa negli anni ’30 e durante la guerra per chi voleva fuggire dal fascismo italiano. ..

Il suo nuovo film, coprodotto da Ray e Belgians da Iota Productions, è dedicato da Giovanni Cioni (che viveva a Bruxelles) a questo confine marittimo tra Francia e Italia. Invita lo spettatore a uno sconcertante viaggio di introspezione, tra passato e presente, tra racconto e realtà. “C’era una volta, allora. È un mito che non è mai accaduto. È una storia vera.”In primo piano indica una lattina di un vecchio film muto. E subito ci immergiamo in un mondo misterioso e commovente…

© Produzioni IOTA

Poesia e articolo politico

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *