Dopo Berlino, Lula continua la sua campagna prima delle elezioni presidenziali di Parigi

Pubblicato in:

L’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva è in tournée in Europa. L’icona della sinistra latinoamericana, dopo essere stata salutata dai parlamentari europei e dal cancelliere tedesco Olaf Schulz, ha fatto tappa a Parigi. Emmanuel Macron ha ricevuto Lula mercoledì 17 novembre. Il giorno prima si era detto pronto a candidarsi alle elezioni presidenziali brasiliane dell’ottobre 2022.

Ufficialmente, l’ex mineralogista, eletto due volte presidente del Brasile, non è ancora candidato. Ma nessuno dubita della sua presenza. I sondaggi lo hanno messo davanti a Jair Bolsonaro, il presidente di estrema destra che Lula continua ad attaccare come se fosse già in campagna elettorale.

« Viaggio in Europa per parlare con governi, imprese e politici, Lui dice. Dico loro che i brasiliani sono molto meglio di quelli che governano. Siamo un popolo generoso e laborioso e amiamo la democrazia. Non siamo un popolo ignorante come quelli che ci governano oggi. La nostra gente vuole mantenere buoni rapporti con gli europei, motivo per cui sono qui in Europa. »

Prima che la sua candidatura venga lanciata ufficialmente in Brasile, Lula sta lavorando per migliorare la sua immagine di leader di centrosinistra all’estero. Nella sua intervista al presidente Emmanuel Macron si è espresso a favore della rinegoziazione dell’accordo tra Unione Europea e Mercosur, perché il Brasile sarebbe” tornare ad essere una democrazia “.e cosa farà se Jair Bolsonaro sarà rieletto?” sto per piangere Lola è esplosa.

Da leggere anche: Tornando alla scena politica, l’ex presidente Lula guida i sondaggi

A Parigi, il leader della sinistra brasiliana ha incontrato mercoledì pomeriggio anche il leader di La France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon, dopo aver incontrato il giorno precedente Anne Hidalgo, sindaco di Parigi PS e candidato presidenziale ad aprile. Continua il suo tour europeo con un’ultima tappa giovedì 18 novembre in Spagna, per un confronto con il primo ministro Pedro Sanchez.

READ  Scozia: la maggioranza degli elettori vuole un referendum sull'indipendenza

Il Fronte Democratico contro l’estrema destra

« Je pense que c’est la vision d’un leader qui revient dans la Ligue des champions des relations internationales après plusieurs années dans l’ostracisme politique du fait de ses emprisonnements, de ses condamnations et l’arrivée au pouvoir de l’ite in Brasile “,” spiega Gaspar Estrada, politologo di Science Po specializzato in Brasile, al microfono di Achim Leibold, di RFI International Service.

« Sia in Brasile che a livello internazionale, Il mondo della politica continua, L’idea dell’ex presidente Lula, è quella di dialogare, anche con persone di centrodestra, anche di destra, per formare un fronte democratico contro l’estrema destra in Brasile. Questo è ciò che ha già iniziato a realizzare in Brasile attraverso il dialogo con l’ex presidente Cardoso, con personalità influenti del suo partito, il Partito socialdemocratico brasiliano, PSDB. E lo sta chiaramente facendo anche a livello internazionale, consolidando naturalmente la sua posizione di potenziale candidato presidenziale. »

Ascoltare: Dopo la revoca dei verdetti, “se non fosse stato per il leader dell’opposizione”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *