“Dobbiamo affrontare con ironia il malessere che ci circonda”.

Sotto il cappello, Paolo Sorrentino pensava che sarebbe andato sotto copertura. Tuttavia, non appena ha raggiunto il Saint-Victor’s Cafe, due italiani lo hanno fissato con occhi abbaglianti e gli hanno strappato un selfie. D’altra parte delle Alpi, il regista è un simbolo: a Napoli, città in cui trascorse i primi trent’anni della sua vita, le statue della Casa di Natale portano la sua bambola. In questa fredda sera d’inverno ci ha dato appuntamento a due passi dalla sua casa parigina di Pied-a-Terre, tra la Maison de la Mutualité e la Basilica di Saint-Nicolas-du-Cardonnet, nel Quartiere Latino.

Rossi socialisti e neri cattolici: il grande divario calza a pennello. Guarda il trailer del suo film, che a volte esamina il potere terreno (celebrità, 2008; Silvio e gli altri(2018) Rouhani A volte (Serie Giovane Papa e Il nuovo papa, dal 2016 al 2020). Guarda anche i suoi genitori: un banchiere e un padre comunista; Una madre cresciuta da suore che la coprivano di spille quando andava al cinema per non farsi strada a tentoni.

“È una storia piena di insidie: ferita, compiacimento, sollievo… Ho aspettato di avere abbastanza esperienza per raccontarla.”

La prima visita di Sorrentino a Parigi avvenne poco dopo la loro morte, a metà degli anni ’80. “Mio fratello mi ha spinto a viaggiare, a cambiare scenario,” Ripristina. Durante la permanenza nella loro seconda casa in Abruzzo, i suoi genitori sono soffocati a causa di un malfunzionamento della stufa. Paolo ha 16 anni. Suo fratello e sua sorella, che hanno nove e tredici anni più di lui, lo guarderanno. In pieno lutto, scoprono un fratellastro, da una relazione del futuro padre con un collega. Questo shock è al centro La mano di Dio, uscito a dicembre 2021 su Netflix. Il film è in procinto di essere nominato per l’Oscar al miglior film in lingua straniera, che Sorrentino ha effettivamente vinto nel 2014 grande bellezza. Questo è il suo lavoro più personale; Anche il più emozionante e raffinato. “Questa volta non mi sono preso la briga di fare bei progetti, c’è un po’ di musica, Confessa questo grande tormento davanti al Signore. È una storia piena di insidie: vittimizzazione, compiacimento, mitigazione… Ho aspettato di avere abbastanza esperienza per raccontarla, a una distanza adeguata. »

Nel giorno della tragedia, invece di raggiungere i genitori, Sorrentino ha continuato a sostenere la squadra del Napoli e il suo amato Diego Maradona. Il titolo si riferisce alla sua mano, con la quale ha notoriamente segnato un gol. “Gli devo la vita. È morto durante la liberazione, il giorno del compleanno dei miei figli. Non potevo essere felice e mi sentivo così in colpa per questo. È strano essere così triste per qualcuno che non conosci Anche se ci siamo incontrati una volta a Madrid. »

Hai ancora il 67,19% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

READ  Informazioni, opinioni e intrattenimento per tutta l'estate a Radio QUB

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.