Djokovic “ha un rapporto piuttosto speciale con la scienza”, spiega lo specialista del tennis

Questo è l’argomento che da 48 ore fa infuriare l’Australia e l’intero pianeta tennistico: dopo aver ottenuto l’esenzione per recarsi a Melbourne, il visto di Novak Djokovic è stato confiscato e ora è in attesa della sua sorte. Potrà partecipare agli Australian Open anche se non è stato vaccinato? Come si spiega tale clamore in Australia? Perché il tennista 34enne si rifiuta di vaccinarsi?

A rispondere a queste domande, due ospiti, il corrispondente di RTL Australia Christophe Mallet e Laurent Vergne, giornalista specializzato in Eurosport tennis. “Si è spesso detto che Melbourne era la città più ristretta del mondo, ricordalo prima. Dirlo è una cosa, viverci è un’altra”.

“Abbiamo visto che l’unica soluzione, adottata altrove in Australia, è la vaccinazione”, continua (…) all’improvviso, C’è davvero un malinteso : Perché uno come Novak Djokovic dovrebbe finire come un capello nella zuppa piegando le regole ed essendo un po’ furbo? “.

Non lontano da post anti-scienza


Laurent Vergne,

Per quanto riguarda il rifiuto di Djokovic di essere vaccinato, Laurent Vergne lo ha spiegato con “a Per quanto riguarda la bandiera a cui appartiene, che è abbastanza privato. È una persona con convinzioni. Sta cercando molta armonia tra il suo corpo e la sua mente. C’è ovviamente qualcosa che tutti sanno, la storia del glutine, ma questa è solo la punta dell’iceberg. A volte prende posizioni, non direi antiscientifiche, ma non lontano. È qualcuno che crede, per esempio, nella trasformazione dell’energia in cibo e acqua».

La redazione ti consiglia

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *