Diritti umani | Il rilascio saudita di Loujain Al-Hathloul e il “soccorso” del Canada

(Montreal) Il Canada, che ha scatenato una crisi diplomatica con l’Arabia Saudita dopo la condanna degli arresti dei difensori dei diritti umani sauditi nel 2018, si è detto “molto soddisfatto” del rilascio dell’attivista Loujain Al-Hathloul.


France Media

“Il Canada accoglie con favore il rilascio di LoujainHathloul e Noof Abdulaziz”, ha detto il tweet del ministero degli Esteri canadese. “Siamo tutti molto a nostro agio con questa scoperta e il nostro pensiero va alle loro famiglie e ai loro cari. # Diritti delle donne”.

L’attivista saudita per i diritti umani Loujain Al-Hathloul è stato rilasciato mercoledì dopo quasi tre anni di prigione. È stata arrestata nel maggio 2018, insieme ad altri attivisti, poco prima della revoca del divieto di guida alle donne saudite, una riforma per la quale queste donne avevano combattuto.

Alcuni anni prima, Loujain Al-Hathloul aveva studiato presso l’Università della British Columbia, dove ha conseguito la laurea in francese nel 2014.

Il presidente di questa università, Santa Ono, ha detto che l’annuncio del suo rilascio è stato “incoraggiato”.

“Continueremo a fornire il nostro sostegno alla sua famiglia e ai suoi cari per sostenere il suo rilascio e raggiungere l’uguaglianza in Arabia Saudita – obiettivi che ha difeso prima di tutto questo coraggio”, ha detto in un comunicato stampa.

Nell’agosto 2018, è scoppiata una crisi diplomatica senza precedenti tra Riyadh e Ottawa dopo un tweet canadese che chiedeva il “rilascio immediato” degli attivisti per i diritti umani che erano stati arrestati poco prima in Arabia Saudita.

Furiosa, Riyadh ha risposto espellendo l’ambasciatore canadese e adottando una serie di misure di ritorsione, inclusa la sospensione delle relazioni commerciali.

READ  The Chinese CDC study found that the Coronavirus infection in Wuhan may be 10 times higher than reported

Il ministro degli Esteri saudita ha chiesto al governo canadese di correggere il suo “errore”, ma il primo ministro Justin Trudeau ha rifiutato di scusarsi e ha ribadito il suo impegno a difendere i diritti umani in tutto il mondo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *