Dalla Nuova Caledonia all’Italia, immersion learning

Un soggiorno linguistico in Italia è ciò che ha vissuto un gruppo di studenti della Nuova Caledonia. Un’immersione di due settimane, ricca di incontri e scandita da visite ai monumenti più emblematici del paese. Un’esperienza che alcuni studenti raccontano.


I loro nomi sono Baptiste, Lucie, Noé o anche Chloé… Sono studenti in due istituti a Noumea. Dieci sono al liceo Lapérouse, quattordici al college Jean Marriotti. Hanno un materiale in comune, l’italiano LV2. Sono appena tornati da un soggiorno in Italia. Per perfezionare la pratica di questa lingua, il loro management ha infatti richiesto il progetto Erasmus plus. Un sistema di mobilità internazionale istituito perattraversare i confini, aprirsi agli altri, acquisire know-how e acquisire autonomia durante la propria scolarizzazione. Nel quadro durante il soggiorno, inoltre, Cindy Baroni, insegnante di italiano ma anche organizzatrice del progetto Erasmus plus.

Come hanno vissuto questa esperienza? Questa è la grande domanda posta da Karine Arroyo e Lina Waka-Ceou. Guarda il loro rapporto:

©nuovacaledonia

Il progetto Erasmus plus rimane poco conosciuto in Nuova Caledonia ed è quindi sottoutilizzato.

READ  La Cina batte l'Italia vincendo per la terza volta consecutiva la Women's Volleyball Nations League

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.