Cosa deve la scienza a Marianne Diamond, la donna che ha spiegato il cervello di Einstein?

Marian Diamond è un nome che pochi conoscono oggi. Tuttavia, il suo contributo non è da meno: è la prima a dimostrare l’esistenza della neuroplasticità, la capacità del cervello di cambiare la propria morfologia a seconda delle esperienze e dell’ambiente. È anche la prima persona a studiare il cervello di Albert Einstein dopo la sua morte.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Monitoraggio del cervello umano
L’Institute of Human Anatomy utilizza cadaveri umani come strumenti per l’insegnamento dell’anatomia e per l’addestramento di dispositivi medici e test di prototipi.

Marian Diamond è nata l’11 novembre 1926 a Glendale, in California. È la figlia di Rosa Marian Wampler, un’insegnante di latino alla Berkeley High School, e del dottor Montague Cleaves, un medico del Los Angeles County Hospital. All’età di quindici anni, mentre segue il padre per i corridoi dell’ospedale dove lavora, vede attraverso una fessura Cancello Una scena che definirà il resto della sua vita. Quattro uomini in piedi attorno a un tavolo con dentro un’urna cervello È stato messo.

Non sa cosa stanno facendo, ma la sua attenzione è concentrata sull’organo letargico che giace nel suo fluido. È da qui che vengono tutti i nostri pensieri? Chi è questo piccolo edificio di cellule capace di afferrare con una mano? Marianne è sopraffatta dalla complessità e dal mistero di questo cervello La persona che incontri per la prima volta. È l’inizio di una storia d’amore che si concluderà solo con il suo ultimo respiro.

Marianne ha frequentato la Berkeley University dove si è laureata in biologia all’età di 21 anni, e poi ha trascorso l’estate all’Università di Oslo. Torna al suo sito alma mater, lavorando alla sua tesi di dottorato e allo stesso tempo iniziando ad insegnare, una passione che non la lascerà mai. Nel 1953 divenne la prima donna a diplomarsianatomia Nella storia dell’università, la vittoriosa sopravvissuta alla promozione che conta la stragrande maggioranza di 100 uomini contro 5 donne. Ora Marianne è dottore in anatomia umana e ora spera di potersi dedicare interamente allo studio del cervello umano. Ma la sua delusione è amara. Marianne non si lascia smontare.

READ  "Le Mont Analog", il pozzo della conoscenza e della prescienza

Creazione di una nuova specialità

Verso la fine degli anni ’50 scoprì un esperimento che le avrebbe dato un’idea. In questo studio, i ricercatori hanno analizzato il cervello di topi che avevano imparato a navigare nei labirinti e hanno rivelato i livelli di acetilcolinesterasi, un trasportatore chimico che consente la comunicazione tra cellule nervose, significativamente più alto che nel cervello dei topi di controllo. Il risultato fu sorprendente, ma non fu sufficiente per l’anatomista.

A quel tempo, l’idea prevalente era quella il cervello È un membro geneticamente determinato Fisso Una volta raggiunta l’età adulta. Ma un’altra convinzione si impadronì gradualmente di Marianne. E se il nostro cervello cambiasse nel corso della nostra vita, in base alle nostre esperienze e interazioni?

Per essere sicuro, ho chiamato uno degli autori dello studio, lo psicologo Mark Rosenzweig, e ho chiesto di entrare a far parte del suo team, composto da un altro psicologo, David Kreich, e dal chimico Edward Bennett. In pochi anni, i quattro ricercatori hanno condotto un esperimento rivoluzionario che aprirà un nuovo campo di Neurologia.

Come provare la morbidezza del cervello?

Per valutare l’effetto dell’ambiente sull’anatomia cerebrale, hanno generato tre gruppi di topi maschi della stessa razza, riducendo così il rischio di variazione. ereditario. Il primo è posto nelle cosiddette gabbie fecondate, dove roditori Possono interagire tra loro e avere scale da esplorare e ruote su cui esercitarsi; il secondo è collocato in un ambiente povero dove il topo è solo in una gabbia spoglia; Infine, il terzo gruppo funge da gruppo di controllo, in cui i topi vengono messi insieme, senza giocattoli che li stimolino.

Dopo 80 giorni, il cervello dei topi viene sezionato, tagliato a fette molto sottili e analizzato microscopio. Il risultato è chiaro: Forfora I topi dalla condizione di fertilizzazione sono più spessi del 6% rispetto ai roditori allevati in gabbie impoverite e una proporzione di cellule gliali Ogni neurone è più importante. Marianne ei suoi colleghi hanno appena dimostrato per la prima volta l’esistenza di ciò che oggi chiamiamo neuroplasticitàe per evidenziare l’importanza inaspettata delle cellule gliali inapprendimento. dopo diversi ripetizioniLo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Scienza.

Cosa portava Marianne Diamond nella sua piccola scatola?

Marianne deve ancora fare i conti con molti pregiudizi, soprattutto ora che la pubblicazione del suo studio ha scosso le credenze allora ritenute sull’immutabilità del cervello, ma continua a difendere il suo lavoro con pazienza e obiettività. Insegnante adorata dai suoi studenti, la vediamo regolarmente andare sugli spalti o tornare da lei con una scatoletta in mano. Si nasconde dentro una mente autentica che ama presentare ai suoi studenti all’inizio dell’anno.

READ  Scienze. Thomas Pesquet è andato nello spazio per la seconda volta questa settimana

Nel 1984, l’ufficio di Marian a Berkeley divenne la sede di un altro contenitore dal contenuto insolito: un vasetto di maionese inviato da Thomas Harvey, che conteneva 4 parti del cervello di Albert. Einstein.

Le condizioni per ottenere questo strano effetto sono a dir poco controverse. Dopotutto, le istruzioni che il famoso scienziato ha lasciato alla sua morte erano abbastanza chiare: mi brucio il corpo e divento grigio in segreto perché non voglio essere un idolo.

La disobbedienza che illumina la scienza

Ma Thomas Harvey, responsabile perdissezione del cadavere dal defunto fisico, non intendono rispettare questi desideri. Estrae tutto ciò che può dal corpo a lui affidato, compresi i suoi organi interni occhi, che invia all’oftalmologo di Einstein e di cui tiene il cervello a casa; Quindi invia i resti ai reparti incaricati della cremazione. Tuttavia, il furto è stato presto notato e l’ospedale di Princeton ha sparato a Harvey sul posto.

La famiglia Einstein, dal canto suo, ha puntato il dito contro l’atto sacrilego commesso in precedenza patologoE solo con riluttanza il figlio dello scienziato permise ad Harvey di preservare il cervello. Questo è veloce a tagliarlo in 240 minuscoli pezzi che tiene in silicone e, a parte alcune spedizioni agli scienziati di tutto il mondo, il cervello di Albert Einstein finisce per riposare per 40 anni in vari barattoli e scatole, raccogliendo polvere in un Harvey volta.

Cosa rivela l’anatomia del cervello di Einstein?

Fortunatamente, Marianne non ha intenzione di lasciare questi pezzetti di carne rosa nel suo barattolo. Il metodo di memorizzazione che usa Harvey è esattamente quello di cui ha bisogno: sarà in grado, come sempre il cervello I topi tagliano a fettine sottili la corteccia del fisico e osservano nel dettaglio la distribuzione delle cellule che la compongono. concentrare la sua attenzione su Corteccia Prefrontale parietale superiore e inferiore degli emisferi destro e sinistro e quindi confronta i risultati con regioni identiche prelevate da 11 cervelli umani maschi.

READ  Infiammazione dell'orecchio interno: causa, sintomi, durata, trattamento

Conclusione: la regione 39, nota come regione di Brodmann, ha il maggior numero di cellule gliali al mondo, in particolare stellareresponsabile della fornitura e della riparazione di neuroni e oligodendrociti coinvolti nelle loro corrette connessioni.

Lo studio è il primo a esaminare il cervello di Einstein, ma i suoi risultati rimarranno controversi, così come quelli degli studi che seguiranno. È difficile interpretare con certezza le analisi di un cervello morto da quasi 30 anni e trovare altri cervelli della stessa età e relativamente sani da confrontare con loro.

Sebbene il grande pubblico di oggi ricordi Marianne Diamond come la donna che ha spiegato il cervello di Einstein, è stata la sua esperienza con i topi che l’ha elevata allo status di grandi scienziati del secolo scorso. Marianne ha continuato a insegnare a Berkeley fino all’età di 80 anni e fino a quando non lo è diventata stella su youtubeDove l’università trasmette i suoi corsi. È morta il 25 luglio 2017, all’età di 90 anni. La storia non ci dice se il suo cervello sia stato lasciato in eredità alla scienza.

Interessato a quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.