COP26 e rifugiati climatici

Si stima che ogni anno circa 20 milioni di persone siano sfollate a causa delle conseguenze del cambiamento climatico. Si pensa soprattutto alle persone dell’America centrale, dell’Africa centrale e dell’Asia meridionale. Ma anche in Canada le popolazioni vulnerabili iniziano a risentire degli effetti del clima, in primis le Prime Nazioni.

E il loro numero aumenta ogni anno. Rapporto della Banca Mondiale A partire dal 2018, i rapporti indicano che quasi 143 milioni di persone potrebbero finire sulle strade a causa del cambiamento climatico. Queste persone cercano di sfuggire ai raccolti scarsi, alla scarsità d’acqua, all’innalzamento del livello del mare e all’erosione.

Le vittime del clima riusciranno a far sentire la propria voce durante la COP26? E dopo questo incontro annuale, come affronteranno questa situazione le nostre società in un futuro sempre più prossimo? Isabelle Bourgogne ne parla con:

Non è facile parlare di rifugiato climatico, perché non esiste una definizione nel diritto internazionale. perché? E come li chiamiamo allora? Questa ambiguità nelle definizioni non ostacola gli sforzi per aiutarli?

Limitare la migrazione a una sola causa può essere una trappola, poiché il cambiamento climatico esacerba vulnerabilità di ogni tipo: difficoltà a mangiare, perdita di terreni agricoli o di una casa e violenze di ogni tipo.

Qual è il nesso tra la cosiddetta mobilità climatica e le trattative sul tema delle perdite e dei danni che ogni anno fanno parte delle COP? Qual è la responsabilità di un paese come il Canada?

Semplicemente non succede altrove. Quali esempi abbiamo vicino a noi?

++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Io voto per la scienza In onda il lunedì alle 13 su cinque emittenti regionali da VM اديو Radio. Gestito da Isabelle Bourgogne. Cerca questa offerta: Fanny Rohrbacher. Puoi anche ascoltarci, tra gli altri, su CIBO (Senneterre), CFOU (Trois-Rivières), CIAX (Windsor) e CHOM (Toronto).

READ  Calmont. Per i piccoli intraprendenti, un tour scientifico non è scienza missilistica

In questa pagina troverai i link agli spettacoli delle stagioni precedenti. Puoi anche seguirci Twitter e via Sito di social network Facebook.

Foto: campo profughi di Dadaab, Kenya. Andy Hall/Oxfam

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *