“Carenza di iodio”: soia e avena. Il consumo di latticini di origine vegetale rappresenta un rischio per la salute?

“Carenza di iodio”: soia e avena. Il consumo di latticini di origine vegetale rappresenta un rischio per la salute?

Di base
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, in un rapporto pubblicato il 28 giugno, ha messo in guardia contro il consumo eccessivo di latti a base vegetale, come il latte di soia o di avena.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito In un rapporto pubblicato venerdì scorsoSui potenziali rischi di un consumo eccessivo di latti vegetali come quello di soia, cocco e avena. L’organizzazione indica che questa tendenza crescente in Europa potrebbe portare – in alcuni consumatori – ad una carenza di iodio, un minerale essenziale per il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea.

Leggi anche:
Cancro: “Tour-up” delle casse delle Galeries Lafayette a sostegno della Toulouse Cancer Foundation

I rischi possono essere seri

Ridurre il consumo di latticini convenzionali tra adolescenti e adulti può aumentare il rischio di carenza di iodio. Nei casi più gravi, questa carenza può portare all’ipotiroidismo. Questa condizione non trattata può influire sulla salute del cuore e aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Leggi anche:
Ecco cosa mangiare per invecchiare sano

Le donne sono particolarmente a rischio, soprattutto durante la gravidanza. La carenza di iodio nelle donne in gravidanza può influenzare lo sviluppo del cervello del feto e la salute dei bambini piccoli. Pertanto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di mantenere il consumo di quantità sufficienti di alimenti ricchi di iodio, come il sale iodato, per evitare questi problemi.

READ  No, il tuo dipendente non è lunatico, soffre di emicrania

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *