Bangladesh | Migliaia di Rohingya denunciano le loro condizioni di vita su un’isola

(Dhaka) – Diverse migliaia di rifugiati Rohingya si sono ribellati lunedì per denunciare le loro condizioni di vita sull’isola di Bashan Shar, un’isola di fango colpita dai cicloni al largo delle coste del Bangladesh, durante una visita di una delegazione delle Nazioni Unite, ha detto la polizia.


Francia Media

Fino a 4.000 persone, secondo la polizia, hanno preso parte al movimento di protesta durante una visita di ispezione da parte dei funzionari dell’UNHCR.

« Les Rohingya […] Si sono ribellati non appena i rappresentanti dell’UNHCR sono atterrati (sull’isola) in elicottero oggi.” “Chiedono di non vivere qui”.

“Hanno rotto le finestre dei magazzini lanciando pietre e hanno attaccato la polizia.

Un rifugiato Rohingya ha confermato all’AFP che sono stati lanciati mattoni e che la polizia ha impedito loro di entrare nell’edificio dove si trovava la delegazione dell’UNHCR.

Un attivista internazionale per i diritti umani ha affermato che la polizia ha usato i manganelli per disperdere i manifestanti. Citando fonti Rohingya, ha detto che molti manifestanti sono rimasti feriti. Ma la polizia ha respinto questa affermazione.

Secondo un portavoce della polizia, i manifestanti Rohingya hanno attaccato gli agenti di polizia, ferendone diversi. Ha detto che hanno anche danneggiato le auto sull’isola.

Un portavoce dell’UNHCR ha confermato che una delegazione, tra cui il Vice Alto Commissario per le Operazioni e il Vice Alto Commissario per la Protezione, aveva visitato Bhasan Shar.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha dichiarato in una dichiarazione che è “profondamente preoccupata di apprendere che i rifugiati sono stati feriti durante gli eventi di oggi sull’isola”, osservando che “donne e bambini” erano tra i feriti, secondo alcuni rapporti.

READ  La fine dell'attesa nel Canale di Suez

‘Situazione disperata’

“La delegazione dell’UNHCR ha potuto incontrare molti rifugiati e ascoltare le varie questioni sollevate e che la delegazione discuterà con le autorità del Bangladesh”, ha affermato.

Ha detto che la delegazione è andata a Cox’s Bazar e martedì visiterà i campi profughi Rohingya prima di tornare a Dhaka per incontrare alti funzionari del governo.

La maggior parte di questi rifugiati è fuggita dal proprio paese al confine con la Birmania nel 2017, quando è stata lanciata un’offensiva militare contro di loro con “intento genocida”, secondo i risultati degli investigatori delle Nazioni Unite.

Da dicembre, le autorità del Bangladesh hanno trasferito circa 18.000 rifugiati Rohingya dai campi di Cox’s Bazar all’isola di Bashan Char. Le autorità hanno in programma di trasferire 100.000 Rohingya degli 850.000 che vivono in rovina nei campi di Cox’s Bazar.

Le Nazioni Unite hanno affermato di non essere coinvolte nel processo.

Dal primo trasferimento a Bashan Char, il 4 dicembre, molti Rohingya hanno detto all’AFP di essere stati picchiati e minacciati di accettare di trasferirsi nell’isola soggetta a inondazioni.

I gruppi per i diritti hanno ripetuto le accuse, che il governo del Bangladesh ha prontamente negato, affermando che l’isola è sicura e le sue strutture sono più confortevoli di quelle di Cox’s Bazar.

La polizia ha riferito all’AFP che almeno 49 Rohingya, tra cui donne e bambini, sono stati arrestati nelle ultime settimane dopo essere fuggiti dall’isola. Ma secondo i leader Rohingya, decine se non centinaia di Rohingya sono fuggiti e sono tornati a Cox’s Bazar.

Un uomo ha detto all’AFP, in condizione di anonimato, di aver lasciato l’isola per nuotare e poi di essersi imbarcato su un peschereccio per 300 dollari.

READ  Il Pentagono annuncia il fallimento di un test ICBM

I Rohingya sono in una situazione disperata lì. Cox’s Bazar (campi) è mille volte meglio di Bhashan Char.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *