Australia: la televisione pubblica sospende la trasmissione di programmi dai canali cinesi

Sydney | Venerdì, il gruppo televisivo australiano SBS ha annunciato la sospensione dei programmi di trasmissione dei canali del governo cinese dopo che erano stati confiscati da un’organizzazione per i diritti umani.

SBS ha indicato che, secondo Safeguard Defenders, CGTN e CCTV, come parte dei programmi degli accusati, almeno 56 confessioni di prigionieri sono state ottenute sotto costrizione e tortura tra il 2013 e il 2020.

Un portavoce della radio ha detto: “SBS ha ricevuto un reclamo secondo cui lo sta attualmente esaminando”.

“A causa delle serie preoccupazioni sollevate e della complessità dell’argomento in questione, abbiamo deciso di sospendere la distribuzione dei giornali CGTN e CCTV mentre stiamo conducendo una valutazione di questi servizi”, ha detto SBS. Supportato dal governo australiano.

Il canale australiano trasmette quotidianamente due notiziari, uno di 15 minuti e l’altro di 30, da questi due canali. Uno è in mandarino e l’altro è in inglese.

La mossa arriva un mese dopo che il regolatore britannico delle telecomunicazioni, Ofcom, ha ritirato la licenza per il canale televisivo cinese CGTN, considerandolo di fatto sotto il Partito comunista cinese.

L’annuncio potrebbe dare un altro duro colpo alle relazioni tra Pechino e Canberra, che sono ai livelli più bassi degli ultimi decenni.

READ  Stato di New York | Due avvocati sono stati nominati per indagare sulle accuse contro Andrew Como

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *