arresti legati all’omicidio dell’ambasciatore italiano a Goma

Pubblicato su :

La polizia della provincia del Nord Kivu annuncia di aver arrestato i sospetti autori dell’attacco in cui l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, la sua guardia del corpo e un autista del Programma alimentare mondiale sono stati uccisi il 22 febbraio 2021 nei pressi del parco dei Virungas. I teppisti, compresi i presunti autori degli attacchi ai convogli umanitari nella regione, sono stati presentati martedì 18 gennaio alle autorità politiche e militari del Nord Kivu.

Con il nostro corrispondente a Kinshasa, Pascal Mulegwa

I sei uomini, ancora giovani, sono seduti per terra e circondati da poliziotti ben armati. Sono stati così presentati al governatore militare del Nord Kivu dal generale Aba Van Ang, capo della polizia: “ Il primo del gruppo si chiamerebbe Aspirante, è in fuga. Sono riusciti a dirci che quando hanno rapito l’ambasciatore, è stato lui a sparare all’ambasciatore. Si sono davvero pentiti di aver perso 1 milione di dollari [de rançon espérée ndlr]. La morte dell’ambasciatore ha fatto perdere loro quei soldi ».

Un rapimento andato storto

Si tratterebbe quindi di un’operazione di sequestro che sarebbe andata storto. La polizia spera, grazie alle informazioni ottenute, mettere le mani sul presunto tiratore a piede libero. Nella regione, questi rapitori operano in una banda organizzata, ha detto la polizia.

« I loro esploratori sono motociclisti. Quando hanno già preso di mira il bottino, quando il veicolo vuole partire, prende il comando, segue il percorso. Sono lì. Vedono solo passare il loro motociclista, escono per sterzare il mezzo che gli viene dietro ».

Un processo pubblico per scoraggiare il crimine

Alcuni di loro hanno ammesso di aver partecipato al sequestro di operatori umanitari. Il governatore militare di questa provincia in stato d’assedio fa appello alla giustizia: “ Sia fatta giustizia. Che siano puniti in relazione a tutto ciò che hanno causato alla popolazione “. La procedura è stata avviata. Le autorità politico-militari vogliono che i presunti criminali siano giudicati in un processo pubblico per scoraggiare la criminalità.

READ  Italia: Bonucci non vuole perdersi un secondo Mondiale

Leggi anche: Morte dell’ambasciatore italiano nella RDC: la sua vedova evoca tradimento

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.