Ambiente, denaro e paesi poveri

Donare denaro quasi incondizionatamente ai paesi poveri per combattere il riscaldamento globale è una pessima idea. Affinché questo denaro sia investito in modo efficace, occorre esigere più che semplici restrizioni allo sfruttamento delle risorse di idrocarburi nei paesi in via di sviluppo.

Abbiamo bisogno di profondi cambiamenti nella società. Le élite politiche ed economiche dei paesi in via di sviluppo gioiscono all’idea di arricchirsi grazie alle nuove politiche ambientali discusse alla COP27. Questi paesi, poiché sono gravi vittime del riscaldamento globale, possono ricevere miliardi di dollari di risarcimento. In teoria, quel denaro dovrebbe consentire loro di costruire strutture in grado di resistere ai cambiamenti climatici. In pratica, quei soldi rischiano di finire nelle tasche dei ricchi, che li sfrutteranno per inquinare di più.

1. Perché la compensazione per i paesi in via di sviluppo è un problema?

Secondo la lista dei paesi più corrotti compilata da Transparency International, i paesi più poveri sono spesso altamente corrotti. I paesi africani in particolare sono molto corrotti. Quindi, dare loro denaro non significa migliorare le condizioni di vita della loro popolazione e non significa nemmeno adattare le loro infrastrutture ai cambiamenti climatici.

  • Ascolta ogni giorno gli atti di Loïc Tassé, specialista in politica internazionale :

2. Quali sono gli altri ostacoli?

I paesi africani affrontano anche un altro problema lampante: sono in piena espansione demografica, mentre il resto del mondo sta attraversando una fase di stabilizzazione demografica, o addirittura una fase di declino demografico. Questa crescita mina la stabilità economica. Ancora peggio, i paesi in via di sviluppo continuano a idealizzare il modello di sviluppo americano, con le automobili e l’espansione urbana incontrollata al centro del loro modello.

READ  Il governatore di New York accusato di molestie sessuali combatte per sedare le critiche

3. Perché è così difficile per i paesi in via di sviluppo rinunciare agli idrocarburi?

Chiedere ai paesi in via di sviluppo di porre fine allo sfruttamento degli idrocarburi equivale a chiedere loro di abbandonare il modello di sviluppo nordamericano. Le élite in questi paesi non sono in grado di farlo. In primo luogo, perché questo modello di sviluppo porta molti soldi alle élite e, in secondo luogo, perché questo modello è così dominante che è difficile immaginare lo sviluppo in un altro modo. Per questo la Cina ha scelto questo modello 40 anni fa, invece di inventare uno sviluppo economico più razionale. Le conseguenze dell’impegno della Cina in questa direzione sono state disastrose per il riscaldamento globale. Sarà lo stesso per i paesi in via di sviluppo se seguiranno questo modello di sviluppo.

  • Ascolta ogni giorno gli atti di Loïc Tassé, specialista in politica internazionale :

4. Come fare?

I paesi in via di sviluppo devono uscire dalla logica del capro espiatorio che li spinge ad incolpare i paesi sviluppati di tutte le loro mancanze. La scusa è appropriata per epurare le élite locali dai problemi nazionali, ma è semplicistica 70 anni dopo la fine del colonialismo. Il modello economico verde è la garanzia di prosperità per questi paesi. Alcuni paesi, come il Costa Rica, possono servire da esempio per altri paesi in via di sviluppo.

5. Lo sviluppo verde è sufficiente?

Le nuove tecnologie da sole non possono salvare i paesi in via di sviluppo, non più di enormi infusioni di denaro. Anche le società di questi paesi devono svilupparsi. L’educazione è al centro di questi cambiamenti, così come il rifiuto di credenze ingenue. Queste società devono anche evolvere verso una vera democrazia, il che significa, tra l’altro, allontanarsi da paesi come la Cina o la Russia. Questi problemi vanno ben oltre le discussioni alla COP27, ma la loro risoluzione è essenziale per il successo della lotta contro il riscaldamento globale.

READ  Il Pentagono non ha intenzione di distruggere il missile cinese fuori controllo

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.