All’alba di una “nuova era di disastri”?

È così che lo storico britannico Eric J. Hobsbawm ha descritto il periodo dal 1914 al 1945. È possibile che scoppi una guerra su vasta scala alla luce di ciò che sta accadendo oggi tra Russia e Ucraina? Evidenziare alcune somiglianze tra il periodo attuale e questa era di disastri diventa allettante nel contesto attuale.

Il declino della Gran Bretagna alla fine dell’Ottocentoe Il secolo e l’ascesa di nuove potenze – Stati Uniti, Germania e Giappone – portarono a due guerre mondiali per decidere quale avrebbe giocato il ruolo dominante. Oggi, secondo alcuni, il declino degli Stati Uniti e l’ascesa di Cina e India, nonché il ritorno della Russia dopo decenni di declino, ci mettono in una posizione pericolosa.

la tua opinione
Siamo interessati.

Hai un’opinione da condividere? Un testo tra le 300 e le 600 parole che vorresti inviarci?

Gli Stati Uniti non accettano la nuova realtà multipolare (la presenza di almeno tre grandi potenze in competizione), mentre Cina, Russia e altri resistono sempre più all’egemonia che Washington cerca di mantenere. Nel corso della storia, il passaggio da un’egemonia all’altra ha avuto la tendenza a causare grandi guerre.

Ascolta l’intervista di Richard Martineau a Michelle Roche, Professore di Scienze Politiche a QUB Radio:


Gli anni ’20 e ’30 furono segnati dal declino della democrazia con l’ascesa del fascismo, del nazismo e di altri tipi di dittature (Franco in Spagna, Salazar in Portogallo, ecc.), nel contesto di una crisi economica che rimane senza precedenti. Oggi, in un record meno drammatico – almeno per il momento – dobbiamo notare l’ascesa della destra radicale nei paesi sviluppati. Da parte dei cittadini, i sondaggi d’opinione mostrano una bassa correlazione con i valori democratici.

READ  Zelensky insiste che il missile caduto in Polonia fosse "russo"

Negli Stati Uniti, prima potenza mondiale, è evidente che la democrazia è in crisi, come dimostrano l’attacco a Capitol Hill e il rifiuto di milioni di persone di accettare l’esito delle elezioni presidenziali. A questo va aggiunto un nuovo fenomeno: la catastrofe ecologica con la scomparsa di migliaia di specie viventi, l’esaurimento delle risorse e il cambiamento climatico. Ci aspettano tempi difficili.

Dovremmo temere una nuova guerra mondiale? Qui è d’obbligo la massima cautela. La storia non si ripete necessariamente, e certamente non allo stesso modo. La Russia è economicamente molto più debole della Germania, che allora era la principale potenza industriale in Europa. Non ha né i mezzi – come lo vediamo sulla Terra – né l’intenzione di invadere l’Europa.

Tuttavia, la guerra tra Russia e NATO in Ucraina resta irta di pericoli. Le armi nucleari non esistevano nell’era dei disastri, fino alla fine del 1945. Quell’anno solo un paese, gli Stati Uniti, le usò. Oggi la Russia avrà circa 6000 testate nucleari. Più l’esercito ucraino vince sul campo, maggiore è il rischio di una mossa disperata da parte delle autorità russe. Non è un caso che la retorica di Biden nei confronti di Putin assuma in questi giorni un tono più “diplomatico”.

Sappiamo anche che il personale degli eserciti russo e americano è in costante contatto per evitare il peggio. Allo stesso tempo, deve essere presa in considerazione la realtà interna della Russia. Dal 2014 Putin non ha più niente da offrire al suo popolo in termini di progresso economico e sociale. Anche la sua popolarità iniziò a diminuire prima della guerra. La fragilità del suo sistema lo spinge in una spirale in cui possiamo essere trascinati più direttamente di quanto non lo siamo già.

READ  Il Canada accusa le compagnie aeree cinesi di comportamenti pericolosi

Non bisogna però dimenticare che la vita politica non è una questione di meccanismi o di leggi naturali, ma della volontà degli attori e dei cittadini: il capovolgimento è sempre possibile e generalmente imprevedibile.

Nella misura in cui l’ascesa della destra radicale potrebbe scontrarsi con le nuove tendenze politiche che faranno perdere loro consensi, il popolo russo potrebbe ribellarsi contro il regime di Vladimir Putin. Questo vale anche per il popolo cinese e statunitense. Una nuova era di disastri, sebbene possibile, non è necessariamente inevitabile.

Michel Roche, professore di scienze politiche e specialista in Russia presso l’Università del Quebec a Chicoutimi

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.