Al Congresso degli Stati Uniti, il leader democratico Pelosi affronta nuove divisioni

Da tempo il politico più potente degli Stati Uniti e il primo avversario di Donald Trump, la leader democratica del Congresso Nancy Pelosi deve ora impiegare i suoi talenti riconosciuti come stratega per superare le crescenti tensioni interne e avere la possibilità di mantenere le promesse di Joe Biden. .

L’ala sinistra frustrata da ambizioni ritenute troppo moderate e riluttante a sostenere determinati programmi ritenuti troppo costosi: quasi cinque mesi dopo l’arrivo del nuovo presidente alla Casa Bianca, sono emerse lacune tra i democratici mentre i negoziati sul suo grande capo hanno vacillato. progetti.

E la recente polemica sulle parole del deputato eletto della Camera dei Rappresentanti, Ilhan Omar, ha portato ad altre nette divisioni.

Première femme présidente de la Chambre, troisième personnage le plus puissant de la politique américaine après le président et sa vice-présidente Kamala Harris, Nancy Pelosi doit impérativement maintenir la cohésion de à son groupe, dont trojétré coreité negli ultimi mesi.

Se il leader democratico del Senato Chuck Schumer ha giocato un atto di equilibrio con la semi-uguaglianza al Senato da gennaio, le tensioni nelle ultime settimane hanno ulteriormente complicato il compito del politico veterano di 81 anni.

Non più “lamina”

“Siamo tutti più efficaci quando copriamo il viso”, ha detto Tom Cole, eletto repubblicano alla Camera dei rappresentanti, all’AFP, riferendosi alle feroci battaglie tra Nancy Pelosi e il repubblicano Donald Trump.

“È molto difficile quando controlli tutto”: le Camere del Congresso e la Casa Bianca, ha detto.

Tra i progressisti, l’ansia è cresciuta quando Joe Biden ha pubblicamente favorito i negoziati con i centristi per raggiungere accordi sui suoi famosi progetti di legge, da un ampio piano di investimenti infrastrutturali alla riforma della polizia o alla lotta al cambiamento climatico.

READ  Stati Uniti occidentali | Un'ondata di caldo precoce potrebbe battere i record

Tuttavia, le elezioni parlamentari di medio termine si avvicinano nel novembre 2022. Tradizionalmente, in un anno elettorale sono stati compiuti pochi progressi legislativi e in seguito i democratici rischiano di perdere la maggioranza.

“Tutti stanno vedendo che la finestra (dell’azione) sta per chiudersi”, ha detto Michael Cerasso, un consigliere democratico che ha lavorato alla campagna di Bernie Sanders nel 2016.

Con l’ascesa di questo senatore indipendente e di altre figure di spicco al Congresso, come Alexandria Ocasio-Cortez, la sinistra sente di aver rafforzato il partito negli ultimi cinque anni ma “non è stata approvata nessuna legge che corrisponda al DNA del Partito Progressista, ” ha detto all’Afp.

I moderati, dal canto loro, ritengono che siano stati loro a contribuire maggiormente al ripristino della maggioranza alla Camera dei Rappresentanti nel 2018, accaparrandosi seggi nelle roccaforti dei conservatori.

Nancy Pelosi, che ha promesso di lasciare le redini dopo le elezioni del 2022, giovedì ha eliminato quelle divisioni.

Questi non sono difetti. Siamo un partito democratico, che non accetta tutto senza discussione, per l’attenzione. Chi vuole essere a una festa come questa? Ha detto ai giornalisti.

“Condividiamo un terreno comune nel nostro partito, essendo lì per le famiglie americane che lavorano, e non ho dubbi che alla fine approveremo leggi per aiutare le famiglie americane che lavorano”.

Dopo aver accettato le spiegazioni di Ilhan Omar sulle sue controverse dichiarazioni nei confronti di Israele e Stati Uniti, il leader democratico ha annunciato, domenica, la chiusura dell’argomento.

“il suo punto forte”

Se la Pelosi “in realtà non può permettersi di perdere così tanti voti”, come riconosce il professore di scienze politiche dell’Università della Virginia Kyle Kondyk, in realtà sta giocando un “vantaggio”: il suo gruppo parlamentare è “ideologicamente più omogeneo della precedente maggioranza democratica alla Camera dei rappresentanti.” Rappresentanti.”

READ  Francia | Eric Zemmour, un candidato alla presidenza? L'estrema destra è turbata

E giovedì, al Campidoglio di Washington, il suo gruppo è apparso piuttosto pacifico.

“Ci rendiamo tutti conto di non avere molto margine di manovra. E questo alla fine funziona stranamente a suo favore”, sta spingendo per accordi, ammette il moderato Jerry Connolly all’AFP.

Ma con un avvertimento ai suoi colleghi: “La coesione è essenziale per il nostro successo”.

Questi negoziati interni “sono la loro forza”, aggiunge Tim Ryan, eletto democratico dall’Ohio.

“È qui che è padrona, nella strategia di guadagnare abbastanza voti e non rischierei mai di dire che non sarebbe in grado di farlo”. “

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *