Addio Draghi, l’Italia ha chiamato le urne questo autunno

Roma | Non appena la pagina di Draghi è stata voltata, l’Italia si è trovata in campagna elettorale con la decisione di giovedì del presidente Sergio Mattarella di sciogliere il parlamento, portando alle elezioni anticipate previste per la fine di settembre o l’inizio di ottobre.

• Leggi anche: Italia: Draghi è vicino alla partenza dopo la spaccatura di destra e 5 stelle

“La situazione politica ha portato a questa decisione”, ha detto il presidente in un breve discorso televisivo, riferendosi alle dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi dopo che tre grandi partiti giovedì hanno disertato dalla sua coalizione con un voto di fiducia al Senato.

Ha spiegato che “la discussione, il voto e il modo in cui questo voto è stato espresso ieri al Senato ha messo in chiaro che il sostegno parlamentare al governo è terminato e che non ci sono prospettive per la nascita di una nuova maggioranza”. Un omaggio “all’impegno profuso in questi diciotto mesi” dal Sig. Draghi.

I media italiani hanno proposto diverse date possibili per queste elezioni: 18 e 25 settembre o 2 ottobre.

Il candidato di punta alle prossime elezioni è la coalizione cosiddetta di “centrodestra”, che riunisce Forza Italia, il partito di destra guidato da Silvio Berlusconi, e l’estrema destra rappresentata dal populista e antiimmigrato Matteo Union . Salvini e Fratelli dall’Italia.

Fratelli d’Italia, il partito postfascista guidato da Giorgia Meloni, è in testa alle intenzioni di voto, con quasi il 24%, davanti a Pd (22%) e Lega (14%), secondo un sondaggio condotto da l’Istituto SWG il 18 luglio. Forza Italia otterrà il 7,4% dei voti e il Movimento 5 Stelle (M5S) l’11,2%.

READ  Master per giovani registi

Fino a nuovo avviso, il governo dimissionario guidato da Mario Draghi resta in carica per occuparsi di attualità.

estrema destra “Pronto”

Le dimissioni dell’ex presidente della Banca Centrale Europea sono diventate inevitabili dopo la bocciatura di Forza Italia, il partito di destra di Silvio Berlusconi, la Lega, la formazione dell’estrema destra Matteo Salvini e la formazione populista Mouvement 5 Étoiles (M5S) . Per partecipare al voto di fiducia richiesto dal Presidente del Consiglio al Senato mercoledì.

Draghi si è detto disposto a rimanere in carica solo se i partiti della sua coalizione si fossero allineati su un “patto” di governo, già messo a repentaglio la scorsa settimana dalla prima defezione dal M5S. La loro risposta è stata dura.

Arrivato a capo dell’esecutivo nel febbraio 2021 per tirare fuori l’Italia dalla crisi sanitaria ed economica, Draghi, 74 anni, ha presentato il 14 luglio le sue dimissioni al presidente Mattarella, che le ha immediatamente respinte.

Draghi ritiene che il suo governo di unità nazionale, che va da sinistra a estrema destra, sia stato nullo dopo la crisi provocata dalla scissione lo stesso giorno durante un voto chiave, già al Senato, del suo M5S – anche nel di fronte a forti divisioni interne e sanguinamenti da parte dei parlamentari. .

Ma i membri più importanti della sua coalizione hanno ignorato la sua richiesta e i loro occhi sono già puntati sulla prossima campagna elettorale. Alla fine, solo il centro e la sinistra incarnati dal Partito Democratico (PD) sono rimasti dalla sua parte fino alla fine, tra l’altro perché temevano più che altro un’elezione anticipata dove sarebbero stati sconfitti dalla destra in tutti i sondaggi d’opinione .

READ  Manchester United XI vs Newcastle: Confermate oggi la notizia della formazione e della formazione titolare

“Siamo pronti. Questa nazione ha un disperato bisogno di rivendicare la propria coscienza, orgoglio e libertà”, ha twittato giovedì Giorgia Meloni, giornalista di 45 anni che potrebbe diventare il prossimo primo ministro italiano.

Una prospettiva che preoccupa i partner europei dell’Italia perché senza sostenere la Brexit, Fratelli d’Italia chiede una revisione dei trattati e la sostituzione dell’unione con una “federazione di Stati sovrani”. Non si chiede l’uscita dall’euro, ma una riforma radicale della Banca centrale europea.

Anche Ue e Nato stanno perdendo un “pilastro” con Mario Draghi, prezioso alleato nel sostegno all’Ucraina contro Mosca, e temono l’ascesa al potere di Matteo Salvini.

I mercati stanno esaminando da vicino la situazione della terza economia più grande dell’Eurozona. Lo “spread”, il divario monitorato da vicino, tra tassi di interesse a 10 anni tedeschi e italiani è salito a 240 punti base, toccando il livello più alto da metà giugno.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.