A cena con Emmanuel Macron | Lo chef della Martinica è represso, il regolatore paga male

(Lione) Dopo essere stato invitato domenica sera a Lione a una cena prestigiosa alla presenza di Emmanuel Macron, lo chef di origine martinicana Marcel Raven è stato finalmente allontanato. La discriminazione ha uno sfortunato errore secondo il regolatore.


Questo distinto chef di un ristorante di Monaco ha ricevuto diligentemente un invito quando si è presentato nella provincia del Rodano, dove si è tenuta una serata a margine della Fiera Internazionale della Ristorazione (SERRA) organizzata da GL Events.

Questo documento, da lui prodotto sui social network, indica che il Presidente della Repubblica, Presidente di GL Events Olivier Ginon, e Jerome Bocuse, Presidente del Concorso Gourmet Bocuse d’Or, gli hanno chiesto di partecipare a una cena gratuita. Un maestro chef e pasticcere.

Ma il personale incaricato di sorvegliare gli ospiti si è rifiutato di entrare nell’edificio. “Mi hanno detto che non ero sulla lista e il loro manager non voleva sapere nulla”, dice il signor Raven, “scioccato e deluso”.

“Serata triste. Sarai invitato e finirai sul marciapiede a mangiare Andouillet […] Mi fanno capire che non siamo diversi. “Te lo dico io qual è l’umiliazione”, ha scritto su Facebook.

Foto dell’account Twitter di Marcel Raven

La cena d’onore di Marcel Raven è stata rifiutata dal personale incaricato di osservare gli ospiti. “Mi hanno detto che non ero sulla lista e il loro manager non voleva sapere nulla”, dice il signor Raven, “scioccato e deluso”.

“Spero che la nostra professione si unisca e che nessuno chef riconosciuto dai suoi colleghi venga mai più lasciato sulla soglia di casa. E voglio credere che l’organizzazione di questo evento si scuserà per la mancanza di considerazione”, ha aggiunto, mentre il Il presidente della comunità regionale della Martinica, Serge Lechemie, ha denunciato un “atto inaccettabile”.

READ  La mamma si intrufola nella scuola di sua figlia vestita da adolescente e viene arrestata

Rispondendo a una domanda dell’AFP lunedì sera, GL Events ha parlato di uno “sfortunato errore”. “Ci rammarichiamo per questo apparente incidente non intenzionale da parte nostra, e non c’è nulla di diretto contro di esso”, ha affermato Luc Dubanchet, Sirha Food Brand Manager.

Secondo lui, “a priori”, il signor Raven non era nelle liste perché non aveva risposto al suo invito. Ha detto che altre persone come lui domenica sera “sono state in grado di compensare perché siamo stati avvertiti”.

“Ma lì, purtroppo non ne eravamo a conoscenza”, ha aggiunto Dubanchet offrendo a GL Events delle scuse con il signor Raven.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *