2.000 migranti scappano da un centro di detenzione | In Libia i migranti ‘umiliati’ chiedono solo di partire

(Tripoli) “Siamo al capolinea”: arrestata in un raid della polizia, detenuta come migliaia di altri migranti e rifugiati in Libia, Halima è scappata venerdì da un centro di Tripoli. “umiliante”, ha chiesto di lasciare questo paese solo dopo una settimana di calvario.


Hamza MEKOUAR
Agenzia di media Francia

“Ci hanno attaccato e umiliato, e molti di noi sono rimasti feriti”, ha detto Halima Mukhtar Bishara, una rifugiata sudanese del Darfur, una regione devastata dalla guerra.

“Siamo tutti molto stanchi. Ma non abbiamo un posto dove andare, siamo stati spinti giù dai marciapiedi”, ha detto il 27enne all’AFP in lacrime.

Foto del giorno, Reuters

I migranti si radunano sabato intorno all’ufficio negoziale dell’UNHCR a Tripoli.

Lei, insieme a centinaia di persone, ha partecipato a un sit-in sabato davanti all’ufficio locale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, che questa settimana ha temporaneamente sospeso le sue attività a causa delle crescenti pressioni migratorie.

Davanti all’edificio dell’UNHCR, decine di migranti e rifugiati, compresi bambini piccoli, dormono per terra da giorni, in completa povertà, sperando di essere curati.

“Per la nostra sicurezza, chiediamo l’evacuazione”, recita un cartello. Un altro diceva: “La Libia non è un paese sicuro per i rifugiati”.

fuga di gruppo

Un gran numero di migranti dal Niger, dal Sudan e dall’Eritrea sono fuggiti dai loro paesi devastati da conflitti, povertà e corruzione per cercare di attraversare il pericoloso Mediterraneo su gommoni di fortuna dalla Libia, un punto di svolta nell’immigrazione clandestina in viaggio verso l’Europa.

Coloro che sono rimasti bloccati in un Paese allo sbando dal 2011, vengono regolarmente rastrellati dalle ONG per il maltrattamento di migranti e rifugiati.

READ  Cuba | Il rapper Dennis Solis rilasciato dopo otto mesi di carcere

Lo scorso fine settimana, le autorità libiche hanno lanciato un raid in un povero sobborgo della capitale, Tripoli, dove vive la maggior parte dei migranti e dei richiedenti asilo, uccidendo una persona e ferendone almeno 15, secondo le Nazioni Unite.

Secondo diverse ONG, circa 5.000 candidati sono stati arrestati e detenuti in esilio durante questa operazione, condotta ufficialmente in nome della lotta al traffico di droga.

Eravamo 39 persone che vivevano nello stesso edificio. I miei tre figli ed io siamo gli unici nel gruppo che sono sfuggiti all’arresto”, ricorda Halima, il velo che le copre la testa.

Dopo essersi “nascosta per tre giorni”, è stata finalmente catturata con i suoi figli e messa in un centro di detenzione.

Venerdì, le guardie libiche sono fuggite da circa 2.000 migranti e rifugiati da questo centro e sei di loro sono stati uccisi dalle guardie libiche, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che ha denunciato all’AFP le “orribili” condizioni di vita in questo luogo sovraffollato.

Sabato, il ministero dell’Interno libico ha negato qualsiasi uso eccessivo della forza dopo questa fuga, affermando in una dichiarazione: “Rispetta i diritti umani nel trattare il fascicolo migratorio”.

il colore della loro pelle

Eravamo così depressi che non riuscivamo a dormire. “Non c’era abbastanza spazio per sdraiarsi”, ha detto Ismail Darab, uno dei fuggitivi.

“Vogliamo solo lasciare questo Paese”, sussurra questo richiedente asilo, spinto dalla povertà lungo la strada dell’emigrazione.

Idris, un compagno di viaggio, ha rimarcato: “Chiedo alla Libia perché non è un Paese sicuro”.

Dice che le autorità hanno preso di mira i migranti in un raid “anti-droga” in base al colore della loro pelle. […]. La situazione dei neri a Tripoli è spaventosa».

READ  Gli alieni ci stanno guardando? L'attesissimo rapporto sugli UFO degli Stati Uniti

“Siamo esposti a tutti i pericoli. Le nostre vite sono in pericolo”, ricorda questo sudanese di 31 anni.

E venerdì, a poche ore dalla fuga di massa, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) ha ribadito l’appello alle autorità libiche “per consentire la ripresa dei voli umanitari fuori dal Paese, sospesi da quasi un anno”.

Le partenze segrete per l’Europa – le coste italiane distano 300 chilometri – sono iniziate sotto l’ex regime di Muammar Gheddafi, estromesso dal potere nel 2011.

La migrazione è esplosa dopo il caos seguito alla rivoluzione, che ha favorito lo sviluppo del traffico di esseri umani e l’aumento degli attraversamenti illegali.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *