Valeria Grenier | “Le peggiori 48 ore della mia vita”

Come Marie-Michel Gagnon e Lawrence Saint-Germain del Quebec, la pattinatrice artistica Valerie Grenier vedrà confermato il suo posto nella squadra olimpica venerdì. Franco-Ontario racconta il suo ritorno supersonico dalle due fratture subite l’11 dicembre.

Inserito alle 7:00

Simone Darwin

Simone Darwin
Giornalismo

L’11 dicembre Valerie Grenier si è allenata con gli sci a Livigno, in Italia. Le sue ginocchia si fletterono forte e cadde nella neve, urlando di dolore.

“Una volta caduta, mi sono davvero spaventata”, ha detto all’inizio di questa settimana. Mi aspettavo il peggio e non potevo credere che fosse successo. Ero frustrato e negato. »

Mancavano meno di due mesi allo slalom gigante per le Olimpiadi di Pechino. Grenier era sul punto di giocare il cuore della stagione dei Mondiali.

Una corsa contro il tempo è appena iniziata, ed è iniziata la pattinatrice 25enne. Lei e un fisioterapista hanno viaggiato per tre ore per raggiungere la clinica, che stava per chiudere. Il tecnico della risonanza magnetica non era troppo ottimista. “non bene ‘, ha sottolineato nel suo inglese primitivo.

Il duo ha ricevuto un CD. Dovrebbe essere ancora in grado di leggerlo. Il duo canadese ha viaggiato per un’ora e mezza sulle Dolomiti prima di ricevere una telefonata dal medico della squadra italiana. Era nella stessa città dove lo skater aveva appena sostenuto l’esame… e i due tornarono per incontrarlo.

A prima vista, la lesione sembrava una frattura del piatto tibiale. Diagnosi: otto settimane prima del ritorno. Ma raccomanda comunque all’atleta di sottoporsi a una TAC per una valutazione più accurata.

Prima di recarsi in una clinica a St. Moritz il giorno successivo, Grenier “pregò” che le sue ferite si limitassero ai lividi. Dopo ore di attesa di domenica, ho potuto incontrare il mio medico ortopedico svizzero. La sua diagnosi è caduta come un martello: fratture.

Fortunatamente, il chirurgo ortopedico del team canadese era più ottimista dopo l’esame a distanza.

“Mi sono reso conto che forse era meno pericoloso di quanto pensassi e che sarei potuto tornare presto. Ovviamente è stato davvero difficile perché ho saltato le due gare di Courchevel e sicuramente quella di Linz. È stato il momento peggiore farmi male, nonostante non mi divertissi mai, l’ho accettato subito e ho fatto di tutto per tornare indietro”.

Normale

Nonostante lei, la rappresentante del club Mont-Tremblant è abituata alla riabilitazione. Ha subito due interventi chirurgici per curare il dolore cronico alla caviglia che la tormenta da anni. È stata messa sotto i ferri altre due volte dopo aver riportato una frattura quadrupla alla gamba dopo una caduta durante l’allenamento ai Campionati del Mondo 2019.

Questa volta, il tempo stava finendo. Nonostante le sue ferite, è stata in grado di continuare il suo allenamento indoor e di andare in bicicletta stazionaria. Le sessioni di biliardo gli hanno permesso di eseguire i movimenti più dinamici che richiedevano le sue ginocchia.

Grenier ha potuto contare sulla presenza del suo amante che è venuto a trovarla in Europa nella speranza di vederla correre per la prima volta. A Killington, a novembre, la gara è stata annullata a causa del vento… quindi sarà la prossima volta.

A Natale, due settimane dopo la sua caduta, French-Ontario ha continuato a fare slittino per la prima volta. Con sorpresa di tutti, l’8 gennaio era al cancello di partenza della Coppa del Mondo a Kranjska Gora, in Slovenia.

READ  Sport | Calcio: "Due offerte" per comprare il Milan

“Non mi sono allenato molto dopo il mio piccolo infortunio, ma sembra che non ho smesso di crederci. Ho mantenuto la fiducia e sono rimasto positivo. In gara è come se tutto fosse normale e ho dimenticato tutto. Mi ha davvero aiutato . Non mi sono tirato indietro.”

Ottavo dopo il round di apertura, al secondo giro avevo un vantaggio di mezzo secondo. La sua leadership ha resistito fino a quando gli ultimi tre titolari non l’hanno cacciata. In quarto luogo, il record personale del Gigante, ha mancato il suo primo podio in Coppa del Mondo del sette percento.

È scattato subito, ma poi è stato semplicemente: fantastico! Non posso essere troppo deluso. Mi mostra che sta arrivando, che sto facendo cose buone. È molto incoraggiante.

Valeria Grenier

Martedì, Grenier ha ricevuto un’e-mail di conferma che era ufficialmente idonea per la sua seconda Olimpiade. Nel 2018 si è classificata sesta assoluta, la vetta dello sci alpino canadese a Pyeongchang.

“Quando ho pensato alle partite degli ultimi anni, era esattamente quello che volevo sentire. Come se stessi andando sul podio. Una cosa è dirlo, ma non ero sicuro di essere lì. Visto che ho’ m a questo livello è così incoraggiante!” »

Finale di Coppa del Mondo

Valerie Grenier giocherà un evento finale di Coppa del Mondo prima delle Olimpiadi martedì a Plan de Corones, in Italia. “Non sono più qualificazioni olimpiche del genere, ma ti permette di mostrare il tuo posto prima dei Giochi. L’anno scorso ero fuori pista, ma prima che accadesse andava bene. So di poter fare un buon lavoro se ce la faccio No. Posso aspettare.Giovedì, la svizzera di San Isidore ha vinto un evento FIS a Poza de Fassa.Di fronte a un plateau più debole della Coppa dei Campioni, ha nettamente surclassato la svizzera Vanessa Casper (+1.26sec) e la sua giovane connazionale Cassidy Gray (+1.47sec).Quebec Sarah è arrivata a Bennett, 20 anni, è 8°. Terza dopo un run, Michaela Tomei delle Autos non è arrivata seconda. I canadesi si schiereranno per un altro gigante nella stessa posizione venerdì. Per Grenier , è un modo per ritrovare i suoi sentimenti di corsa dopo aver perso tre eventi, la missione a dicembre.

READ  Roma - Inter: rosa ufficiale, canale e orario della partita

squadra olimpica

La composizione della squadra olimpica canadese sarà annunciata in un comunicato stampa venerdì. Québec Marie-Michèle Gagnon, 23e Dalle prove di discesa libera di Cortina di giovedì, e lo slalom di Lawrence Saint-Germain, 8e Dall’ultimo slalom di Schladming, avrebbe costituito un quarto del battaglione femminile.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.