Valanga vicino all’Everest: scomparsi tre alpinisti francesi

La Federazione francese dei club alpini e montani (FFCAM) ​​ha dichiarato domenica in un comunicato che tre giovani alpinisti francesi che erano in una spedizione in Nepal sono scomparsi e una squadra di soccorso è stata inviata sul posto.

I tre uomini fanno parte del National Alpine Excellence Group (GEAN), l’élite dell’alpinismo all’interno della federazione. Fanno parte di un gruppo di giovani atleti partiti il ​​30 settembre nella regione del Khumbu (regione dell’Everest), per scalare diverse vette tra i 5 e i 6000 metri sul livello del mare situate a sud dell’Ama Dablam (6814 m), spiega.

I tre alpinisti scomparsi erano partiti dal 24 ottobre per salire su una vetta vicino all’Ama Dablam e il loro ultimo contatto telefonico con loro risale al 26 ottobre, secondo FFCAM.

Un elicottero noleggiato dalla Federazione ha effettuato una ricognizione sabato e ha rilevato “effetti di sollevamento e detriti di una valanga facciale di grandi dimensioni”. “Oggi, domenica 31 ottobre, è stato inviato un elicottero con una squadra di soccorso per cercare di trovare i sopravvissuti”, aggiunge FFCAM.

“È sotto shock, devastata, come tutto il gruppo”, ha detto il presidente del GEAN Stéphane Benoist al quotidiano regionale francese Dauphiné Libéré.

Secondo lui, il gruppo di 8 alpinisti si è diviso “in due gruppi, cinque da un lato e altri tre (…), su un’altra salita. C’è stato un ritardo nel tempo della loro salita, FFCAM ha preso il comando e un elicottero stava sorvolando il loro muro.”

“Hanno individuato tracce di quella fine. Si può immaginare che siano stati travolti da una valanga. L’elicottero ha individuato tracce di materiale ai piedi del muro. Domani ci andranno i soccorritori nepalesi, le previsioni del tempo sono buone per intervenire. Sappiamo che è pericoloso, ma siamo devastanti”.

READ  Justin Trudeau scioccato dall'assassinio del deputato britannico Sir David Amis

Secondo The Himalayan Times, la squadra di soccorso ha individuato tende e attrezzatura da alpinismo vicino a un ghiacciaio sotto il monte Ama Dablam all’inizio di domenica.

Un funzionario del ministero del turismo ha dichiarato al giornale che questi alpinisti non hanno bisogno del permesso necessario per intraprendere la salita.

“Non abbiamo ancora informazioni chiare sul numero dei dispersi”, ha detto all’Afp Ang Norbu Sherpa, presidente dell’Associazione nazionale nepalese delle guide alpine.

“Abbiamo inviato una squadra di 5 guide alpine di grande esperienza. Stanno arrivando e inizieranno le loro ricerche domani (lunedì).”

Gli alpinisti sono tornati in Nepal dopo un blocco completo lo scorso anno a causa della pandemia che ha devastato l’economia del Paese di 30 milioni di persone, che dipende fortemente dal turismo. Il Paese ha riaperto le porte ai turisti a settembre, esentando dalla quarantena i vaccinati.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *