VACCANZA – ESPERIENZA IN MONTAGNA TROPICALE

In un’ex scuola, è diventato uno spazio espositivo per il progetto Dolomiti contemporaneo, gli artisti selezionati da Gianluca D’incà Levis e gli artisti della Fondazione Malutta, dal 31 luglio, mostrando paesaggi montani venati di voglia di ‘esotico’. . Secondo il curatore di VACCANZA, il cambiamento climatico sta sconvolgendo le montagne, che poi appaiono altrove come zone ideali, dove godersi momenti di riposo e relax. I paesaggi dell’Eden saranno sicuramente scomparsi.

Con questa espressione VACCANZA (in italiano), Gianluca D’incà Levis si riferisce alle vacanze tanto quanto al turismo o alle cose fatte male o non finite. Intesse un’idea sociologica sulla montagna estiva conquistata. Le Dolomiti, inserite nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, sono oggi un ambiente naturale maestoso e frequentato da molti turisti italiani e internazionali. Uomo e natura convivono in un equilibrio tra sviluppo e rispetto del paesaggio. Dovremmo guardare agli ambienti naturali da una prospettiva spirituale? La montagna è il luogo dei miti, per un rapporto con la natura che forse è rimasto lo stesso?

Romanzi e racconti popolari che circolano nelle opere degli artisti presenti in mostra. Vediamo le mucche che si godono gli antipasti! Anche i giocattoli fanno parte di questa collezione di opere d’arte. Alcuni ci incoraggiano anche a ricordare i momenti felici e a dimenticare la nostra serietà nel goderci il momento liberando le nostre teste dalle catene della vita quotidiana.

Disegni in miniatura di insetti o altri piccoli animali punteggiano le pareti e ci portano a guardare luoghi diversi, attirandoci anche nelle grandi finestre che si aprono sulle Dolomiti. Gli artisti si sono anche ispirati alle storie popolari che si tramandano da un villaggio all’altro.

READ  Angelina Jolie: le foto rare del suo elefante sono state svelate sul web!

Attraverso i tre livelli della mostra, scopriamo nuove visioni, un po’ ironiche e umoristiche, di un ambiente rurale di montagna. Siamo invitati a riflettere sulle nostre azioni in questi luoghi maestosi, che invitano a esperienze meditative, matematiche o meditative. Le montagne divennero anche luoghi di sviluppo e trasformazioni per consentire il flusso dei traffici. Quindi pensiamo al nostro rapporto con la biodiversità e alle nostre influenze su queste forme naturali, che sono state erose nel corso degli anni.

mostra VacanzaEsperienza di montagna tropicale Sarà visibile fino al 31 ottobre 2021 a Casso al Vajont, Friuli, Italia

Immagini: Viste della Galleria VACCANZA, Foto: Giacomo De Donà

Emozionante e devastante: il meraviglioso sogno dell’origine di Miriam Boudinia
Biarritz: “Cantos de represion”, un documentario necessario, regalato dal pubblico

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *