Uno degli sceneggiatori di Ratatouille che gira un film a Saint-Perray

Il film è stato girato in Stop Motion, con personaggi di marionette animati dagli animatori e filmati secondo per secondo in set reali. Tutto è interamente realizzato negli studi Ardèche a Foliascope, dietro una normale facciata di fienile in un quartiere commerciale.

Ilan Oroz, direttore di Foliascope, davanti a uno dei set de L’inventore


GM Hobby

Ci è voluto un anno, ad esempio, per produrre 140 personaggi per il film. Non ne vedrai molti nella foto qui, sono protetti. Tenuto in mano: corpi in lattice o silicone, peli di cotone, attaccati a scheletri metallici articolati: Sono gioielli d’oro. Ilan Oroz, Direttore di Foliascope Studios, spiega, “I personaggi dovrebbero essere in grado di muoversi come te e me. Dovremmo essere in grado di muovere il loro dito indice, quindi il tallone per muoverli. Quindi stiamo costruendo uno scheletro composto da articolazioni sferiche, palle, nocche, ecc.. . e dovrebbe durare per un anno di riprese. Dove lo mettiamo alla prova. “ Le braccia sono così fragili che è stato necessario crearne 1.200 paia per gestire la rottura. Anche 1200 paia di occhi, occhi aperti, occhi chiusi. Ci sono scaffali alti pieni di scatole contenenti tutti questi articoli ordinatamente classificati.

Ilan Oroz, direttore di Foliascope, si trova tra le scatole contenenti tutti gli oggetti del film
© Radio Francia

Natalie Rodriguez
La barca a ruote e pedalò inventata da Leonardo da Vinci e ricostruita dagli ingegneri Dassault per le esigenze del film
© Radio Francia

Natalie Rodriguez

La stessa attenzione per la precisione è stata portata alle scenografie, alle macchine inventate da Leonardo da Vinci, e rimodellate in modelli dagli ingegneri Dassault. Quindi tutto viene posizionato e riprodotto manualmente sul set del film dall’animatore.

Il corridoio dove sono allineati diversi set cinematografici dietro tende nere
© Radio Francia

Natalie Rodriguez

Nel corridoio diversi set cinematografici sono allineati dietro tende nere. Silenzio, gli animatori devono concentrarsi, come spiega il direttore di Foliascope Ilan Urroz: “È un compito molto complesso in cui devi esprimere movimento, cambiare occhi, cambiare bocca, sincronizzarti con i suoni già registrati che stanno ascoltando in cuffia. E devono fare 4 secondi di animazione ogni giorno”. Dal momento che diversi set funzionano contemporaneamente, lo studio è in grado di registrare 40 secondi di film in totale al giorno.

Il lungometraggio deve durare 82 minuti. Le riprese terminano a dicembre. Poi c’è la post-produzione. The Inventor, o Leo nella versione francese, uscirà nell’autunno del 2023 negli Stati Uniti, all’inizio del 2024 in Francia.

Perché Jim Capobianco nell’Ardèche?

Jim Capobianco ha sentito parlare di Foliascope da un altro studio in Irlanda che ha lavorato con Folimage. mondo piccolo. Questo regista americano ha collaborato con Disney e Pixar. Ha co-scritto Ratatouille e ha anche lavorato alla scrittura di Il re leone, tra gli altri progetti. ma l’inventore
aveva bisogno di un’altra struttura: “Negli Stati Uniti, l’animazione è più orientata alla produzione di massa. Qui siamo in un film davvero indipendente. E penso che abbia senso che lo stiamo facendo in Francia. Il film parla di Leonardo da Vinci, quando si trasferì in Francia.. Siamo qui vicino a Lione dove è passato quando è arrivato dall’Italia.

Questo film su Leonardo da Vinci ha in testa Jim Capobianco da 10 anni. Ne ha già fatto un cortometraggio: “Quello che mi ha attratto di lui è che era un artista, così come le sue invenzioni. Ho pensato che avrebbero attratto i bambini e avrebbero potuto ispirare le persone, che si sono messi in sfide, realizzano le loro invenzioni e realizzano il loro potenziale!”

Jim Capobianco (a destra) e Pierre-Luc Grangeon (a sinistra) in un film ambientato a Saint-Perray nell’Ardès


GM Hobby

Jim Capobianco è molto presente agli studi Foliascope di Saint-Péray: “Sono tutti fantastici, mi piacciono le persone qui all’Ardèche. Soprattutto attraverso lo studio, è un posto così affascinante”. Ma si affida anche a Valentinoy Pierre-Luc Grangeon, con il quale ha co-diretto questo film: “La sfida è soddisfare le aspettative di Jim. Ma ehi, sono nel progetto da due anni ormai, quindi siamo solidi e lavoriamo insieme!”

L’inventore, Leo, è un film indipendente ma ha ancora un budget di 10 milioni di euro. Alcune immagini sono disponibili in Il sito ufficiale del film.

READ  La Russia respinge le 'strane' accuse di ingerenza elettorale in Italia

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.